Liguria in zona gialla da lunedì 1 febbraio, la notizia tanto attesa è arrivata e dopo un altro weekend in arancione la Liguria torna a respirare anche se la zona gialla è solo un primo passo al ritorno a una vita normale.
Purtroppo cinema e teatri rimangono chiusi e i ristoranti dalle 18 possono fare solo asporto.

Liguria zona gialla
Liguria zona gialla

Però è consentito muoversi liberamente tra comuni anche se resta valida la regola che permette di fare visita ad amici e parenti una sola volta al giorno, al massimo in due persone (più eventuali minori di 14 anni e disabili che non rientrano nel conteggio), dalle 5 alle 22.

Bar e pasticcerie, così come i ristoranti di cui abbiamo già accennato, sono aperti dalle 5 alle 18: ai tavoli si può sedere al massimo in 4.
Fino alle 22 è consentito il servizio da asporto, ma non per i bar senza cucina e le enoteche, mentre la consegna a domicilio è consentita senza limiti di orario. Aperti tutti i negozi, tranne i centri commerciali nei week end.

I musei sono aperti dal lunedì al venerdì, una novità del DPCM.
Proprio ai musei il Presidente della regione Toti ha voluto rivolgere un augurio invitando tutti i cittadini a visitarli per aiutare non solo la cultura ma anche le nostre menti.

Inoltre partono i saldi, per ovvie ragioni partiti in sordina.
Permane infine il divieto di spostamento tra Regioni, che rimane in vigore fino al 15 febbraio, e il coprifuoco dalle 22 alle 5, salvo valida autocertificazione.

NESSUN COMMENTO

RISPONDI