Il viaggio tra gli agriturismi in Liguria prosegue in Val di Vara

In origine si coltivavano i terreni solo per il consumo familiare, il classico orto, ma con il passare degli anni l’entusiasmo è cresciuto è si è aumentata la produzione rilevando terreni abbandonati acquistandone alcuni confinanti alle proprietà iniziali della famiglia

Il viaggio tra gli agriturismi in Liguria prosegue in provincia di La Spezia con l’Agriturismo Collina Torre partito anni fa con una piccola porzione di terreni poi via via ampliata nel tempo.

L’Agriturismo si trova in Val di Vara, in provincia di La Spezia, ma a un solo chilometro dal confine con la provincia di Genova, a soli venti minuti da Sestri Levante.
Lo scenario è quello dell’Appennino ligure, a una quota di 400-500 metri sul livello del mare.
In origine si coltivavano i terreni solo per il consumo familiare, il classico orto, ma con il passare degli anni l’entusiasmo è cresciuto è si è aumentata la produzione rilevando terreni abbandonati acquistandone alcuni confinanti alle proprietà iniziali della famiglia.

In azienda si producono con un accurato recupero antiche varietà di fagioli locali riconosciuti nell’Atlante regionale dei prodotti tradizionali liguri.
Lo stesso recupero è stato effettuato per le vecchie varietà di mele: e negli ultimi anni è stata inserita la coltivazione di farro e di antichi grani.

Alla classica attività agricola si affianca la trasformazione degli ortaggi nel laboratorio: melanzane sott’olio, verdure in agrodolce, confetture, biscotti, sciroppo di sambuco.

Il tutto preparato con molta cura e attenzione alla tradizione.

Gli appartamenti sono immersi tra il verde dei boschi di castagno, gli orti dell’Azienda e tanto spazio all’aperto dove riposarsi e godere della natura e dei suoni della campagna.

E’ il posto ideale per rilassarsi, beneficiare della tranquillità e dell’aria pulita (in zona non esistono insediamenti industriali e il traffico è veramente esiguo).
Gli unici suoni sono il canto degli uccelli, il richiamo dei caprioli e degli animali che vivono nei dintorni.
Notevole è anche lo spettacolo notturno a luci spente soprattutto quando manca la luna vi è la possibilità di vedere una miriade di stelle e costellazioni.

Gli appartamenti sono nuovi e nascono dalla ristrutturazione totale di due edifici rustici. Sono bilocali luminosi e confortevoli, arredati semplicemente secondo il gusto rurale, con materiali in legno o in ferro.

Infine il “ristoro” che vuole essere un posto conviviale, familiare, dove l’ospite può avvicinarsi a sapori che hanno una storia regionale, contadina e soprattutto stagionale. Infatti si propone un menù fisso, ma vario di volta in volta, secondo ciò che si raccoglie nei campi.
La tradizione ligure ci ha tramandato una cucina in apparenza povera, abituata ad arrangiarsi con quello che si aveva. Pochi elementi, ma egregiamente combinati in modo semplice, che hanno dato la base delle ricette che ancora oggi bollono in pentola.
Sono proposti i piatti genuini della tradizione ligure cucinati con i prodotti dell’Azienda (in mancanza ci si rifornisce da aziende di fiducia a km zero), seguendo il corso delle stagioni. Le carni provengono dalla Cooperativa Carni Val di Vara (certificata biologica) o da aziende locali, tra cui ad esempio il Gallo Nero presidio Slow Food.

Anche i vini provengono da produttori che hanno la filosofia di mantenimento delle varietà locali legate al territorio ligure.

CONDIVIDI
Articolo precedenteIl settore della musica potrà tornare quello di prima?
Prossimo articoloPremio Arte Scienza e Coscienza torna a Genova
Nato nel 1969 a Genova, ingegnere, uno dei due soci di Zenazone e co-fondatore di Zenazone.it - Autore di oltre 170 video itinerari turistici in tutta Italia con il format Eats&Travels - Videomaker Ambassador Traipler - Oltre 1.000 fotografie nello stock photography - Inserito nel programma Google Street View - Realizza strategie di Web Marketing e Video Web Marketing

NESSUN COMMENTO

RISPONDI