Due passi per il MOG, la “Boqueria” genovese del Mercato Orientale

MOG è l'acronimo di Mercato Orientale di Genova, un mercato che ha più di un secolo di storia ma che oggi apre le porte alla nuova concezione contemporanea di cucina, food, condivisione e aggregazione

Tre semplici lettere, MOG è l’acronimo di Mercato Orientale di Genova, un mercato che ha più di un secolo di storia ma che oggi apre le porte alla nuova concezione contemporanea di cucina, food, condivisione e aggregazione.

Una Piazza del Gusto in cui 10 food corner, un moderno e dinamico Bar e un’Osteria gestita da uno Chef Stellato fanno da cornice a una Sala Polivalente, spazi per eventi e intrattenimento e Corsi di Cucina per amatori, appassionati e professionisti.

MOG, una boqueria in salsa genovese

I corner gastronomici sono orientati alla tradizione genovese ma con una chiara aspirazione all’internazionalità.
Pesto, focaccia e pansoti quindi accanto a pizza, pasta fresca, gelato, carne e panini, ma anche tacos, crepes e tanti altri sapori della cucina internazionale.

Una location storica e suggestiva nel cuore del Mercato Orientale, un’offerta ricca e innovativa che proietta la Città nel panorama europeo del market nello stile londinese e vittoriano di Coven Garden o in quello della Boqueria di Barcellona.

Curiosità

Pensate che il Mercato Orientale è un mercato storico di Genova, aperto nel 1899 nella centralissima via XX Settembre si trova nell’antico chiostro, mai terminato, del convento annesso alla chiesa della Consolazione, costruito tra il 1684 e il 1706.

Prima di allora il mercato si teneva in Piazza De Ferrari e i prodotti arrivavano dalle zone agricole del Lungo Bisagno.
Il nome “Orientale” fa pensare a qualcosa di esotico, invece si riferisce solamente alla posizione a oriente rispetto al centro cittadino.

ZenaZone Food

MOG Genova

Video con Michela Resi
Riprese e Montaggio di Davide Romanini
ZenaZone.it promuove le eccellenze del territorio ligure

CONDIVIDI
Articolo precedenteSuper Pop, collettiva d’arte a Santa Margherita Ligure
Prossimo articoloLady Constance Lloyd – L’importanza di chiamarsi Wilde
Nato nel 1969 a Genova, ingegnere, uno dei due soci di Zenazone e co-fondatore di Zenazone.it - Autore di oltre 170 video itinerari turistici in tutta Italia con il format Eats&Travels - Videomaker Ambassador Traipler - Oltre 1.000 fotografie nello stock photography - Inserito nel programma Google Street View - Realizza strategie di Web Marketing e Video Web Marketing

NESSUN COMMENTO

RISPONDI