Wild Horse Watching – Sulle tracce dei Cavalli Selvaggi dell’Aveto

Noi li abbiamo incontrati sulle sponde del Lago di Giacopiane nel Parco Regionale dell'Aveto

Wild Horse Watching: a pochi chilometri da Genova si possono vivere emozioni inaspettate sulle tracce dei cavalli selvaggi della val d’Aveto, animali del tutto simili ai famosissimi cavalli Mustang americani.

wild-horse-watching-organizza

wild horse watching
wild horse watching

Noi li abbiamo incontrati sulle sponde del Lago di Giacopiane nel Parco Regionale dell’Aveto, le nostre guide Evelina Isola e Paola Marinari ci spiegano che in questa stagione, siamo in autunno, è facile trovarli proprio sulle sponde, ma loro sono liberi e possono andare dove vogliono in un’area di circa 25 chilometri quadrati di territorio, in inverno per esempio amano scendere lungo la collina a quote più basse e questo in passato ha portato a qualche problema nei terreni coltivati.
Proprio per questo è nato il progetto “Wild Horse Watching” di Evelina Isola e Paola Marinari che hanno saputo far diventare questi cavalli una risorsa turistica in grado di attirare turisti nella zona.

Per organizzare il tuo Wild Horse Watching serve innanzi tutto un permesso per raggiungere la zona in auto, per informazioni clicca qui.

I cavalli selvaggi dell'Aveto
I cavalli selvaggi dell’Aveto

Gli animali sono anche seguiti dal punto di vista scientifico grazie alla collaborazione con l’Università di Genova con la quale sono stati attivati dei tirocini con gli studenti per monitorare i capi che attualmente sono circa una cinquantina divisi in cinque branchi.
Il comportamento dei cavalli selvaggi della val d’Aveto in natura è del tutto comparabile a quello dei Mustang delle praterie americane e dei cavalli di Przewalski della Mongolia.

Proprio i mustang americani nel 1964 furono d’ispirazione a un’auto sportiva della Ford, la Ford Mustang che ha nello stemma un cavallo mustang stilizzato e due anni dopo fu la volta di Wilson Pickett a portare nuovamente alla ribalta il nome mustang con la sua canzone Mustang Sally dedicata proprio a quest’auto sportiva dai tanti cavalli motore e dall’inconfondibile stemma (da non perdere dal minuto 11’00” del video la colonna sonora nell’interpretazione di Michela Resi con la sua band 4You di “Mustang Sally”).

Tornando ai nostri cavalli selvaggi la guida Evelina Isola ci racconta che ogni branco si auto gestisce durante tutte le stagioni, seguendo gli insegnamenti impartiti da madre natura, e rappresenta pertanto una risorsa unica in Italia, anche per il rapporto con l’ambiente e la conservazione dell’habitat.

L’horsewatching nasce per creare occasioni di osservazione in natura e, contemporaneamente, dare visibilità a questi animali rendendoli una risorsa per il territorio in cui vivono, un territorio di grande pregio naturalistico, ricco di tradizioni e di storia. Il progetto, infatti, prevede escursioni guidate da un esperto naturalista e accompagnatore equestre in grado di spiegare il corretto approccio che l’uomo deve avere con gli animali, ricordando la loro condizione di animali selvatici abituati a vedere l’uomo a distanza ma non a interagirvi. Per questo non ci si deve avvicinare troppo ed è necessario mantenere un linguaggio del corpo corretto per non spaventarli.

Per un soggiorno nella zona per dedicare alcune giornate all’Horse Watching ecco una selezione di strutture ricettive con le offerte del momento.



Booking.com

NESSUN COMMENTO