Il weekend al Teatro dell’Ortica: gli spettacoli di sabato e domenica

Teatro Ortica

Sabato 18 febbraio, alle ore 21:00, la stagione storie di Storia di Teatro dell’Ortica, propone lo spettacolo di produzione Quando le cose si dimenticano riaccadano, elaborazione drammaturgica a cura di Mirco Bonomi (anche regista e attore insieme ad Anna Solaro) dagli scritti di Armando Misuri – ex paziente psichiatrico e attore di Gruppo Teatrale Stranità.
Racconti dal manicomio, un mondo a parte narrato dalle voci di due attori che raccontano la storia di Armando, poeta e scrittore, ex-paziente psichiatrico, che come Alda Merini rappresenta uno spaccato della sua vita e dell’istituzione totale.

Il testo è tratto dall’autobiografia di Armando Misuri, attualmente volontario dell’ A.L.Fa.P.P. (Associazione Ligure Famigliari Pazienti Psichiatrici) di Genova e operatore del Circolo Lugli. Armando è un ex malato psichiatrico, ricoverato negli anni ’70 per diverse volte nel manicomio di Genova Quarto e dimesso definitivamente nel 1974 dopo essere stato dichiarato clinicamente guarito. Da allora si dedica alla scrittura di versi e poesie, pubblicate a stampa in alcuni volumi negli anni ’80 e ’90, e di testi di narrativa. Sulla scena il testo è letto e recitato da due voci narranti (Anna Solaro e Mirco Bonomi) accompagnati dal sottofondo di chitarra e dagli interventi a commento di percussioni eseguiti da Marcello Liguori. Sullo sfondo vengono proiettati immagini del manicomio e le caricature dei personaggi che il protagonista vi ha incontrato. Sul finale è l’autore stesso che prende la parola stilando una sorta di bilancio e parlandoci di lui oggi, con la voce prestata da Mauro Pirovano.

Al termine dello spettacolo, brindisi con gli attori offerto da Cantine Gambaro

Domenica 19 febbraio, alle ore 16:00, la stagione dedicata alle famiglie propone uno spettacolo per i più piccoli (dai 3 agli 8 anni): Acqua nera, acqua chiara. Una storia del tubo. Realizzato in collaborazione con IREN, lo spettacolo è scritto da Mirco Bonomi e Giancarlo Mariottini (anche regista ed attore insieme a Irene Gulli e Riccardo Selvaggi) e si avvale delle scene di Davide Aloi e i costumi di Martina Fochesato: una fiaba moderna che spiega ai piccoli da dove viene e dove va a finire l’acqua che beviamo e che utilizziamo tutti i giorni nelle nostre case.

Irene è una bambina che non sopporta l’acqua: non si lava mai e beve solo bibite gassate! Fuggita di casa per saltare il bagno, si trova sola per strada durante una notte di pioggia. L’acqua è ovunque, che sfortuna! Ma l’incontro con una gocciolina burlona le farà finalmente aprire gli occhi su questo meraviglioso elemento: sarà l’inizio di un viaggio avventuroso che ci permetterà di capire da dove viene e dove va a finire l’acqua che beviamo e che utilizziamo tutti i giorni nelle nostre case.

Dopo lo spettacolo il consueto appuntamento con la merenda offerta da Coop Liguria e il Laboratorio per bambini e genitori a cura di Spazio Famiglia Valbisagno 

Biglietti:
-Intero € 10,00
-Ridotto € 8,00 (soci COOP, CRAL Amga, IREN, CRAL Telecom, Alatel, under 18, over 65), € 6,00 (corsisti ORTICA LAB e OPT)
-Carnet 5 spettacoli: € 35,00
-Ortica Family (min. 4 px): € 7,00

Informazioni e prenotazioni:
Teatro dell’Ortica
via S. Allende, 48 – 16138 Genova
010.8380120
segreteria@teatrortica.it

CONDIVIDI
Articolo precedenteLady Be in esposizione alla Fiera “Arte Genova” rappresentata da tre gallerie diverse
Prossimo articoloEventi a Genova e in Liguria – venerdì 24 febbraio 2017
Roberta Saettone
Cresciuta di pari passo con il web, ho sviluppato una grande passione per la comunicazione digitale applicandola ai new media, passando dal giornalismo al copywriting con una forte impronta social. Dopo la collaborazione con alcune redazioni, TeleGenova e una web agency torinese, adesso mi occupo dello sviluppo dei contenuti per ZenaZone integrati al web marketing. Viaggiatrice incallita e curiosa osservatrice, mi piace esplorare ciò che mi circonda senza porre limiti ai miei interessi.

NESSUN COMMENTO