A Villa Durazzo di Santa Margherita la mostra “Le nostre Afriche” fino al 20 novembre

le-nostre-afriche

Da sabato 5 a domenica 20 novembre Villa Durazzo, a Santa Margherita Ligure, ospiterà la mostra degli artisti Gianni Carrea, Carmelo Calabria e Giuliano lo PintoLe nostre Afriche“: un tuffo alla scoperta delle grandi suggestioni e bellezze del continente africano.

La mostra, la cui inaugurazione avverrà sabato 5 novembre alle ore 15:30, è una carrellata di pitture e fotografie. “Le nostre Afriche“, mostra del pittore Gianni Carrea e dei fotografi Carmelo Calabria e Giuliano Lo Pinto è un viaggio unico: tre approcci differenti sul tema, un continente vissuto secondo esperienze capaci di lasciar trapelare la formazione di ciascun artista. «La mia parte di mostra – scrive Carreaè una rassegna di volti africani, volti che dipingo ormai da molti anni, troppi forse, ma sempre più con ostinata passione, un mondo arcaico forse scomparso, dolente e triste, ma mai succube nell’implorazione, al quale mi avvicino umilmente, con sconfinato amore». Irruzioni nella pittura astratta così come nella Pop Art sono le felici intuizioni di Carrea: risultato è una raccolta in cui lo stesso linguaggio trova differenti traduzioni, gli animali e le genti africane sono resi sempre con la medesima dedizione tecnica, applicata sulla tela a più intensi sentimenti, come una visione interiormente espressionista, ricca di colore e suggestioni.

Fresche di stampa anche le immagini di Calabria, che in precedenza, esponendo a fianco di Carrea, aveva realizzato fotografie pittoriche tali da confondersi con le tele iperrealiste dell’amico: qui presenta una serie si direbbe insolita, seppiata e dalla luminosità rarefatta, come ritratti di studio come potevano andare in voga sino al primo scorcio del Novecento, una sorta di album di famiglia animale. Un’Africa lontana, tanto selvaggia quanto addomesticata. In fondo, per altri versi, lo è anche quella del viaggiatore Giuliano Lo Pinto che cerca di compilare un diario personale, sottolineando con la didascalia ogni visione. Coerentemente ad altri percorsi intrapresi, Lo Pinto coglie per sé il significato dei paesi visitati, ne fa apparentemente involontario oggetto di ragionamento, spiega cosa abbia visto, e come lo abbia interiorizzato.  (Estratto dallo scritto di presentazione del curatore Stefano Bigazzi).

La mostra è aperta tutti i giorni nei seguenti orari: 9:00-13.00 / 14:00-17:00

Per maggiori info:
Villa Durazzo
Piazzale S. Giacomo 3, Santa Margherita Ligure – GE
0185.293135
info@villadurazzo.it

Gianni Carrea: Nato il 21 febbraio 1942 a Serravalle Scrivia (AL). Laureato in Lettere e filosofia, vive e lavora a Genova. Pittore figurativo iperrealista, particolarmente interessato ad immagini di animali e personaggi della Savana africana, dove si reca da 38 anni, riportando con grande realismo emozionanti primi piani. Dal 1974 ha tenuto numerose mostre personali e collettive, tra le quali vanno ricordate soprattutto quelle svolte a Friburgo (1990) a Firenze (1977), Ferrara (1978), Napoli (1987), Alessandria (2010) e Museo Civico Andrea Doria di Genova (2010), Priamàr Savona (2011), Centro Civico Buranello di Sampierdarena (2012), Comune di Albisola Superiore (2014) e al Museo Navale di Genova Pegli (2014), Museo di Sant’Agostino Genova (2016), Budapest Galleria Civica (2016). Tra molti altri si sono occupati del suo lavoro: H. D. Agazzi, F. Ballero, G. Beringheli, P. Bertogli, S. Bigazzi, M. Bocci, A. Boschi, G. F. Bruno, S. Campese, A. Calvi, D. Cassinelli, L. Castellini, L. Caprile, D. Crippa, E. Crispolti, V. Conti, F. Derme, F. Farina, G. Fieschi, F. Galardi, H. Huber, L. Inga-Pin, M. Loreto, M. Lussana, G. Mascherpa, M. Michieli, P. Minetti, S. Paglieri, T. Paloscia, A. M. Pero, B. Poggio, S. Rosso, R. Rotta, E. Schenone, A. Taddei, N. Verga, M. Vescovo, C. Viazzi, F. Vincitorio, G. Volpara. Segnalato per il premio Bolaffi nel 1977 (Germano Beringheli), 1978 (Tommaso Paloscia), 1979 (Gianfranco Bruno), 1983 (Gianfranco Bruno). I suoi lavori sono esposti permanentemente nel suo show-room in Via E. Salgari 71 B- Genova Pegli. In 39 anni, consecutivi, si è recato 99 volte in Africa effettuando oltre 290 safari fotografici. Contatti:
Gianni Carrea
gianpitt@libero.it

Carmelo Calabria: Ingegnere e fotografo, vive e lavora a Genova. Da quasi trent’anni si dedica alla fotografia, con particolare interesse per il reportage di viaggio, per la fotografia naturalistica e sportiva. Abbinando la passione per la musica jazz alla fotografia, da qualche anno ha iniziato a collaborare con l’Associazione Jazz Lighthouse di Genova per la quale fotografa i concerti; sue immagini sono state pubblicate nel libro “A ritmo di Jazz”, nella rivista “Musica Jazz”, sulle riviste on-line “Jazzitalia.net” e “giornaledellamusica. it” e utilizzate per copertine di CD. Ha partecipato a mostre di fotografia collettive e personali, tra le quali si ricordano le COLLETTIVE: “36 Istanti a Capanne” all’Ecomuseo Cascina Moglioni al Parco delle Capanne di Marcarolo, Bosio (AL) (2015); “Momenti Jazz” nel Porticato di Palazzo Ducale, Genova, (2015); “Srebrenica 1995-2015” a Palazzo Ducale, Genova, Sala Liguria (2015); “I Volti della Poesia” a Palazzo Ducale, Genova, Sala 46R, in occasione del ventesimo anniversario del Festival Internazionale di Poesia (2014); “PrismArt” al Priamàr, Savona (2013); “Priam’Art” al Priamàr, Savona (2012); “InfinitArt” al Centro Civico Buranello, Genova (2012); “Immagin’Azione” al Museo S. Agostino, Genova (2011); “A ritmo di Jazz” nel Porticato di Palazzo Ducale, Genova, (2010); “OrdinarioStraordinario, la quotidianità in uno scatto” allo Shenker Culture Club, Roma (2008); e le PERSONALI: Africa mondo senza tempo, al Centro Civico Buranello, Genova (2015); L’Africa, sogno e realtà, al Priamàr, Savona (2014); “Fedeli in Cristo” all’Oratorio di N.S. Assunta, Genova-Prà, (2013); “Nella terra dei Maasai” presso la Libreria Books in the Casba, Genova (2009). Hanno scritto di lui: Germano Beringheli, Luciano Caprile, Stefano Bigazzi, Clelia Belgrado. Membro dell’Associazione fotografica 36° Fotogramma, Genova.
Contatti:
Carmelo Calabria
info@carmelocalabria.it

Giuliano Lo Pinto: Il mio Sud Africa: viaggio in un paese caratterizzato da ambienti diversi. Dalla savana del parco Kruger alla regione dei grandi Canyons, alla Penisola del Capo di Buona Speranza, effettuato nel settembre del 2009. Sono nato 64 anni fa a Sant’Ilario (Genova,) medico di mestiere, fotografo per passione sin dall’infanzia. La mia prima mostra personale nel 2013 nel Priamar di Savona “Viaggio in Turchia”, la seconda, collettiva nel 2014 alla Prefettura di Genova “Mercati del mondo”; da allora altre tre personali: nel 2014 al Municipio della Bassa Val Bisagno e alla Biblioteca Lercari di Villa Imperiale “Luci ed ombre nell’ Appennino Ligure”, nel 2015 al Centro Civico Buranello di Sampierdarena “Suggestioni del Marocco”, nel 2016 nella cornice del Chiostro di Sant’Agostino “Genova orizzontale e verticale”. Ringrazio per la disponibilità e la collaborazione Enzo Sorvino, Gianni Carrea e Carmelo Calabria per l’aiuto nella scelta delle fotografie da esporre. Un caro ricordo per due grandi maestri: Germano Beringheli che mi ha dato i primi consigli e Gianfranco Bruno che mi ha consentito di migliorare con i suoi insegnamenti.
Contatto:
glp@tiscali.it

NESSUN COMMENTO