Ugo Dighero e Maurizio Lastrico al Teatro dell’Archivolto con Momenti di trascurabile in/felicità – Varietà dell’anima

Dighero Lastrico

Dopo il successo editoriale ottenuto negli ultimi anni, i due libri di Francesco Piccolo Momenti di trascurabile felicità (2010) e Momenti di trascurabile infelicità (2015) diventano uno spettacolo, grazie al Teatro dell’Archivolto di Genova che da giovedì 30 marzo a sabato 8 aprile presenta in prima assoluta nella propria sede Momenti di trascurabile in/felicità – varietà dell’anima, regia di Giorgio Gallione, protagonisti Ugo Dighero e Maurizio Lastrico.

Giorgio Gallione nella sua trentennale attività di direttore artistico del Teatro dell’Archivolto ha da sempre attinto alla letteratura come fonte e ispirazione per gli spettacoli. A fianco alle collaborazioni di lunga data con Daniel Pennac, Stefano Benni e Michele Serra, ha spesso portato in scena adattamenti da opere di diversi autori contemporanei, da Ian McEwan a Roddy Doyle, da Luis Sepulveda a Paul Auster. Nella passata stagione si era già confrontato con la scrittura ironica e sincera di Francesco Piccolo, scrittore e sceneggiatore, Premio Strega 2014 per Il desiderio di essere come tutti, dedicandogli il progetto Francesco Piccolo Carta Bianca, due serate speciali in cui lo scrittore era salito sul palco del Teatro dell’Archivolto insieme a Claudio Bisio, Ambra Angiolini e Peppe Servillo.

I momenti “trascurabili” raccontati da Francesco Piccolo appartengono alla quotidianità di tutti noi. Sono quei piacere intensi e volatili che all’improvviso accendono le nostre giornate come fiammiferi nel buio. Oppure al contrario sono inciampi e piccoli contrattempi, in cui trovare qualche scintilla di divertimento e vitalità. Per esempio, quando un invitato a cena ci riporta a casa la bottiglia di vino che noi stessi avevamo “riciclato” e che ha girato per varie case di amici prima di tornare da noi. Quando la commessa del negozio di scarpe in mancanza della nostra misura ce ne propone un’altra più grande o più piccola. O quando qualcuno dice “Potevi vestirti meglio. E io mi ero già vestito meglio”. Aforismi, brevi racconti, scherzi, storie minimali e sempre acutissime: questo è il materiale che compone i due fortunati libri pubblicati da Einaudi e su cui è stato costruito lo spettacolo del Teatro dell’Archivolto.

Momenti di trascurabile in/felicità è un catalogo dell’allegria del vivere”, afferma Giorgio Gallione. “Giochiamo con tic, fobie, debolezze, abitudini, un puzzle di situazioni quotidiane che destano stupore proprio perché ciascuno di noi ci si riconosce. Ugo Dighero e Maurizio Lastrico aggiungono la propria personale verve comica a questo varietà dell’anima, che dietro il sorriso cela il senso più profondo e volubile della vita”.

Info:
010.6592220
010.412135
www.archivolto.it  

NESSUN COMMENTO