Triora e il suo “processo” – Caccia alle streghe, inquisizione e torture [VIDEO 3/3]

Nella società contadina del sedicesimo secolo, dove le credenze popolari potevano muovere i comportamenti del popolo un gruppo di donne fu tacciato di stregoneria

Ultimo dei tre video dedicati a Triora per ricordare la caccia alle streghe che sconvolse il piccolo borgo ligure nel sedicesimo secolo.
Oggi il borgo è un paesino piacevole da visitare che diventa pittoresco nel periodo di Halloween ma nel medioevo l’ignoranza e le credenze popolari portarono a una vera e propria caccia alle streghe.

Michela Resi ha incontrato il giornalista e scrittore Giovanni Giaccone, conoscitore della storia ligure, per farsi raccontare questa triste storia di torture.

Triora - L'inquisizione
Triora – L’inquisizione – una scena del video

Nella società contadina del sedicesimo secolo, dove le credenze popolari potevano muovere i comportamenti del popolo un gruppo di donne fu tacciato di stregoneria.
Fu mandato un inquisitore da Genova con lo scopo di farle confessare, iniziò il famoso “processo di Triora”, l’accusa di stregoneria era inverosimile ma il contesto che abbiamo descritto portò le sfortunate donne a torture con lo scopo unico della confessione e del coinvolgimento di altre donne. Una ventina subì la tortura della corda.

Una donna sessantenne morì non sopportando le torture, un’altra si suicidò buttandosi dalla finestra, il processo continuò poi a Genova e ben presto non se ne seppe più nulla, ma la caccia alle streghe continuò in tutta la Liguria e non solo portando molte donne alla morte sul rogo.

Video con Michela Resi e Giovanni Giaccone
Riprese e montaggio di Davide Romanini

NESSUN COMMENTO