Il Testimone, la vera storia di un uomo in lotta contro la mafia, al Teatro della Corte

il testimone

Lunedì 10 Aprile alle ore 20.30 va in scena al Teatro della Corte IL TESTIMONE, una storia vera di trattativa stato – mafia di Mario Almerighi e Fabrizio Coniglio. Lo spettacolo, prodotto da Tangram Teatro è diretto e interpretato da Bebo Storti e da Fabrizio Coniglio.

Al centro de IL TESTIMONE c’è una storia vera e contemporanea: quella del magistrato Giacomo Ciaccio Montalto, figura semi dimenticata nonostante sia stato fra i primi a scoprire a schierarsi dichiaratamente contro la mafia trapanese, collegata a quella statunitense, pagando per questo, con la propria vita. Attraverso un simbolico viaggio in barca da Civitavecchia a Trapani, dove Montalto viveva, i due attori in scena, rievocano i tempi in cui il magistrato lottava per la giustizia e la legalità, ricordano la sua amicizia col giudice romano Almerighi (coautore del testo, recentemente scomparso), che dal giorno del brutale assassinio di Montalto nel 1983, combatterà una battaglia personale per dare giustizia all’amico. Le intromissioni dei vertici più alti delle istituzioni italiane, con lo spostamento del processo Montalto, rallenteranno terribilmente il cammino verso la verità su quella morte. Chi fu a volere lo spostamento di quel processo? Esistevano già allora delle collusioni tra la mafia e i Palazzi di Potere? Siamo di fronte ad una prima trattativa fra Stato e mafia?

Gli autori
Mario Almerighi (1939-2017) è stato un magistrato, ex presidente del Tribunale di Civitavecchia, nel 1976 fu eletto al Consiglio Superiore della Magistratura. Giudice istruttore a Roma, dove indagò sulla morte di Roberto Calvi, scoprendo per primo che si era trattato di omicidio e non di suicidio. Alla sua attività di magistrato e giudice ha affiancato negli anni anche quella di scrittore e sceneggiatore di storie a sfondo giudiziario. Tra i suoi lavori “I banchieri di Dio”, proprio legato alla vicenda Calvi, “Suicidi? Castellari, Cagliari, Gardini”, da cui è stato tratto un altro adattamento teatrale portato in scena sempre da Bebo Storti e Fabrizio Coniglio. Almerighi è stato tra i fondatori, assieme a Giovanni Falcone, del Movimento per la Giustizia, nonché l’unico in Italia a vincere una causa (sui fatti del 1983) contro l’ex Senatore a vita Andreotti.

Fabrizio Coniglio: Attore, regista e drammaturgo, si è diplomato presso la scuola del Teatro Stabile di Genova nel 1999. Recita in diverse fiction televisive e film ed è autore di diversi spettacoli teatrali su temi di impegno civile, come “Il viaggio di Nicola Calipari”, “Suicidi?”, “Il Testimone”.

Per questo spettacolo: biglietto intero €10, per gli abbonati al Teatro Stabile ingresso €6.
Per ulteriori informazioni: www.teatrostabilegenova.it

NESSUN COMMENTO