“I quattro moschettieri in America”: il radiodramma animato al Teatro Sociale di Camogli

I Quattro Moschettieri

A più di ottant’anni dal mitico successo della parodia radiofonica del capolavoro di Dumas, firmata da Nizza e Morbelli nel ‘34, arriva per la prima volta in Liguria – al Teatro Sociale di Camogli domenica 3 febbraio alle ore 17 – il nuovo esilarante sequel radio-teatrale intitolato I Quattro Moschettieri in America, nato per Radio 3 (nell’ambito dei Radio Days di Sant’Arcangelo) da un’idea di Giovanni Guerrieri e Rodolfo Sacchettini. A realizzarlo, I Sacchi di Sabbia, una compagnia toscana che negli ultimi anni si è distinta sul piano nazionale, ricevendo importanti riconoscimenti (Premio Eti, Premio Ubu etc.), per la sua capacità di reinventare la scena popolare contemporanea, sempre in bilico tra comicità e tragedia, tradizione e ricerca, ironia e partecipazione, con un linguaggio capace di unire creativamente narrazione, arti visive, danza e musica.

Giovedì 18 ottobre 1934 – dieci anni dopo l’inizio ufficiale delle trasmissioni radiofoniche in Italia – andò in onda la prima puntata de I 4 moschettieri «parodia di Nizza e Morbelli con musiche di E. Storaci»: abbinata ad un famoso concorso di figurine sponsorizzato dalla Perugina, la radiorivista (così venne definita ai tempi) si impose in poche settimane come un vero e proprio fenomeno di costume, contribuendo decisamente alla diffusione e alla vendita degli apparecchi radiofonici in Italia.  Angelo Nizza e Riccardo Morbelli – i giovani autori piemontesi che la tennero in vita ininterrottamente per quattro anni – si ispirarono al famoso capolavoro di Dumas, riscrivendo in stile parodico e rivistaiolo le famose gesta di Athos, Porthos Aramis e D’Artagnan. I 4 moschettieri lasciò un segno indelebile nell’immaginario collettivo italiano (la “trasmissione più seguita di tutti i tempi”), ergendosi a crocevia delle più disparate esperienze artistiche e pubblicistiche (pubblicità, teatro, radiofonia, grafica). Persino il cinema di quegli anni ne fu influenzato: Il Feroce Saladino di Mario Bonnard (1936) e I 4 Moschettieri di Carlo Campogalliani con le marionette dei Fratelli Colla ne sono fulgidi esempi.

Ottant’anni dopo, I Sacchi di Sabbia hanno dato un sequel a I 4 moschettieri: dapprima con un radiodramma – realizzato per Radio 3 all’interno del progetto Radio Days di Santarcangelo 14 – ed ora con questo spettacolo teatrale che ripropone, in un’inedita sperimentazione visiva, le atmosfere e i personaggi del radiodramma.  I 4 moschettieri in America è ambientato nell’America degli Anni Trenta: qui, i famosi eroi di Dumas si ritrovano a inseguire – tra gangster, pupe e sparatorie – il sogno di una nuova grandezza, che solo il cinema potrà soddisfare. Un pastiche dunque che – alla maniera di Nizza e Morbelli –si avvale di gustose contaminazioni: dal cinema di Billy Wilder, ai testi di Jules Verne, alle moderne graphic novel.

Restituire un radiodramma alla sua fruizione visiva, tracciare figure lasciando a chi guarda il lavoro di immaginare, è il cuore di questa avventura dedicata ai piccoli spettatori. Complice della compagnia, il pittore Guido Bartoli, chiamato a illustrare il teatro giocattolo che costituirà il centro della scena.

Biglietti:
-Intero: 22 €
-Under 26: 15 €
-Under 12: 12 €

TEATRO SOCIALE CAMOGLI

Piazza Giacomo Matteotti 5, Camogli (GE) – Tel. 0185 1770529

biglietteria@teatrosocialecamogli.it info@teatrosocialecamogli.it – www.teatrosocialecamogli.it

CONDIVIDI
Articolo precedenteAl Teatro della Tosse sale in scena Shakespeare/Sonetti
Prossimo articoloEventi a Genova e in Liguria – sabato 9 febbraio 2019
Roberta Saettone
Cresciuta di pari passo con il web, ho sviluppato una grande passione per la comunicazione digitale applicandola ai new media, passando dal giornalismo al copywriting con una forte impronta social. Dopo la collaborazione con alcune redazioni, TeleGenova e una web agency torinese, adesso mi occupo dello sviluppo dei contenuti per ZenaZone integrati al web marketing. Viaggiatrice incallita e curiosa osservatrice, mi piace esplorare ciò che mi circonda senza porre limiti ai miei interessi.

NESSUN COMMENTO