I prossimi appuntamenti al Teatro Altrove tra concerti e spettacoli

teatro altrove

Inizia una nuova settimana di musica, teatro e cinema per l’Altrove – Teatro della Maddalena. Nel giovedì di DisorderDrama, e precisamente il 2 febbraio alle ore 21:30, fa capolino il genere che a Genova ha divertito per tanti anni e, per fortuna, non è mai scomparso: gli Zatopeks, band di Birmingham con quindici anni di storia, sono alfieri proprio di quel punk rock nella accezione più pop punk fatta di tre accordi, ritornelli e ritmo. Adesso basati tra Berlino, Londra e Bristol, la band sta lavorando a un nuovo album in studio che uscirà nel 2017.

Venerdì 3 febbraio andrà in scena un nuovo spettacolo della stagione teatrale di Narramondo: Nel mare ci sono i coccodrilli. C’è chi parte per amore, per lavoro, per turismo, e poi ci sono quelli che partono per inseguire la vita. E allora la partenza è un parto, un viaggio in posizione fetale, stipato in pochi centimetri, nella pancia di un camion dentro un mare di letame. Una sola sedia in scena basta per raccontare il travaglio e il peregrinare di un bambino, costretto a barattare la propria innocenza in cambio della sopravvivenza, senza però mai vendere la propria onestà. Nel viaggio diventa un uomo portando sempre in tasca le parole di suo padre e le promesse fatte a sua madre. La storia vera di Enaiatollah Akbari è tratta dall’omonimo libro di Fabio Geda e interpretata da Christian Di Domenico. Lo spettacolo inizia alle ore 21:00, mentre alle 10:00 del mattino ci sarà uno speciale appuntamento per le scuole.

Il terzo appuntamento con Intolerance Biogradie è dedicato ai ritratti italiani con due straordinari film di due maestri del cinema di casa nostra: lunedì 6 febbraio alle ore 18:30 Ginger e Fred di Federico Fellini, il ritratto dei due anziani ballerini di tip tap interpretati dagli attori feticcio del regista riminese, Marcello Mastroianni e Giulietta Masina. Alle ore 21:15 C’eravamo tanto amati, l’opera agrodolce di Ettore Scola che racconta le esperienze di vita di tre amici nell’Italia del dopoguerra.

NESSUN COMMENTO