A Palazzo Doria Spinola il concerto di Davide Piero Runcini in memoria del compositore Bela Viktor Janos Bartok

Davide Piero Runcini

Venerdì 16 dicembre, alle ore 17:00, nel Salone del Consiglio Metropolitano di Palazzo Doria Spinola (Largo Eros Lanfranco 1, Genova), si terrà il concerto “Omaggio a Béla Viktor János Bartók”, in  occasione del 135° anniversario dalla nascita del grande musicista ungherese. A esibirsi nelle musiche di Bela Bartok e Ferenc Liszt sarà il pianista e compositore genovese Davide Piero Runcini.

A circa un anno di distanza dal concerto di Szokolay BalàzsOmaggio ai compositori ungheresi”, basato su musiche di Kurtág György, Szokolay Sándor, Bartók Béla, Kodály Zoltán e Liszt Ferenc, l’associazione Eventi d’Amare propone una commemorazione dell’indimenticato compositore ungherese Bartók Béla, nato a Nagyszentmiklós il 25 marzo 1881. A rendergli omaggio sarà il Maestro Davide Piero Runcini, giovane e brillante pianista e compositore genovese, che eseguirà per l’occasione i brani dell’autore, pianista ed etnomusicologo ungherese, tra le figure più importanti della musica moderna.

Dopo la presentazione di Pietro Bellantone, Presidente delle Associazioni Culturali Liguria-Ungheria e EventidAmare, e i saluti di Alfonso Gioia, Consigliere Delegato della Città Metropolitana di Genova, interverranno Judit Timaffy, Console Generale di Ungheria a Milano e Giuseppe Michele Giacomini, Console Onorario di Ungheria a Genova. Alle ore 17:30 inizio del concerto pianistico commemorativo “Omaggio a Béla Viktor János Bartók” e alle ore 18:15 rinfresco con prodotti ungheresi e liguri. L’evento è a ingresso libero.

«Con questo evento vogliamo ricordare il grande compositore Bartók Béla – spiega Pietro Bellantone –  un uomo che non ha ricevuto gli apprezzamenti e gli onori che meritava e addirittura, costretto all’esilio dall’invasione nazista dell’Ungheria, visse in una situazione di isolamento umano e culturale, a New York, dove morì il 26 settembre 1945 di leucemia. Concludiamo con questa manifestazione la nostra attività culturale che ci ha visti molto impegnati nel 2016, tra la mostra collettiva “Artisti liguri a Budapest” presso il Centro d’Arte MKISZ della capitale magiara, la “Commemorazione del 60° anniversario della Rivoluzione in Ungheria del 1956” a Palazzo Doria Spinola e, infine, la quinta edizione della mostra internazionale “PriamArt 2016” alla Fortezza del Priamar di Savona, con le esposizioni personali e collettive di artisti ungheresi e italiani. Un ringraziamento particolare a Marco Doria, Sindaco della Città Metropolitana di Genova, che ci mette a disposizione ogni volta questo Salone monumentale, una vera e suggestiva rarità».

Programma Concerto

Béla Bartòk:
Marche Funèbre from Kossuth
Bagatella op. 6 n. 2

Sonatina:
1 Bagpipers
2 Bear Dance
3 Finale

from Mikrokosmos:
97 Notturno
125 Boating
137 Unison
138 Cornamuse

Franz Liszt
from Trascendental Etudes:
n. 10 “Appassionata”
n. 12 “Chasse-Neige”

Davide Piero Runcini, nato a Genova, intraprende giovanissimo lo studio del pianoforte sotto la guida del M° Eugenio de Luca e successivamente, del M° Franco Ponzano. Nel 2000 si aggiudica il primo premio al concorso internazionale “Mario Polovineo-Città di Teramo”. Dopo aver conseguito la maturità artistica al Liceo Artistico Statale di Genova “Paul Klee”, studia pianoforte e composizione dal 1998 al conservatorio N. Paganini di Genova e nel 2003 consegue brillantemente la laurea in pianoforte seguito dalla Prof.ssa Gloria Ratti. In seguito si perfeziona presso l’Accademia Internazionale di Musica in Roma “Arts Academy” con il M° Mario G.V. Calisi, conseguendo nel 2007 il Diploma del corso  triennale di alto perfezionamento pianistico, partecipa come allievo effettivo a masterclasses di diversi pianisti quali Lazar Berman e Sergio Perticaroli. Completa la sua formazione seguendo, nella stessa Accademia, il corso triennale di Musica e Psicologia tenuto dalla Dott.ssa Laura Salvatore e nell’anno scolastico 2005/2006 a Milano alla IRECOOP Lombardia, il corso di specializzazione post-laurea “Specialista in Training Musicoterapici per la Rieducazione Cognitiva e Psicomotoria”.

Svolge un’intensa attività concertistica sia come solista che in formazioni cameristiche collaborando con strumentisti e cantanti quali il violinista Riccardo Patrone, il violoncellista Nevio Zanardi e il tenore Alessandro Cortello; ha tenuto concerti in molte città italiane (Genova, Chiavari, Milano, Orvieto, Lucca, Roma, Tuscania, Rapallo, Biella ecc.) riscuotendo sempre grande approvazione di pubblico e critica. Dal 2006 collabora con la pittrice Arianna Defilippi per lo studio della sinestesia tra suono e colore finalizzata alla realizzazione di diversi “Concerto-Mostra”. Nel 2010, in occasione del bicentenario della nascita di Chopin e Schumann, viene invitato a tenere concerti in prestigiose stagioni quali: “I pomeriggi della Fondazione Borsieri” (Lecco), “Musica e Mare” (Sori Ge), “Gli Anniversari della Musica” (Napoli). Nel 2011 è accolto con grande entusiasmo al “Nekar Music Festival” dove tiene un concerto nel castello Horneck di Gundelsheim. La critica del quotidiano “Helbronner Stime” lo definisce “Il dolce Re dei tasti“. Sempre in Germania, nel 2014 due suoi recital hanno chiuso il 54° Bad Hersfeld Festival concert. Attivo anche come compositore, ha scritto musiche per il teatro e per la colonna sonora del film “Devil come to hell and stay where you belong” di Massimilian e Nina Breeder, 2008 Nocrew productions New York.

Attualmente sta scrivendo una Suite per quartetto d’archi della quale il primo brano “Valse” è già stato eseguito ad Ottobre in una serie di concerti tra Canada e California dal Vaughan String Quartet.

EventidAmare è un’associazione di promozione culturale ed enogastronomica nata nel 2010. Le finalità che si propone sono la realizzazione di eventi nazionali ed internazionali che concorrano alla valorizzazione del patrimonio ligure: arte, musica ed enogastronomia. Ha progettato e realizzato, in questi anni, eventi interculturali che hanno previsto l’incontro, lo scambio e il confronto nei settori dell’arte, della musica, dell’enogastronomia, del turismo. Quella ligure è venuta così ad “abbracciare” culture alcune volte “vicine”, perché appartenenti al bacino del Mediterraneo ed altre invece lontane, grazie anche alla collaborazione dei Consolati di Francia, Perù, Tunisia, Ungheria, Uruguay, Congo, Haiti, Spagna. Altre volte, quale riconoscimento dell’attività realizzata, ha ricevuto il patrocinio morale da parte delle Ambasciate in Italia di Bolivia, Colombia, Ecuador, Portogallo, Spagna, Venezuela (con l’importante collaborazione del Museo Luzzati, Germano Beringheli, Luciano Caprile e Stefano Bigazzi (critici e storici dell’Arte), Erminio Raiteri (storico), Maria Cristina Castellani (scrittrice, mediatrice interculturale), Alessandro Bertirotti (antropologo della mente), Stefano Finauri (collezionista di cartoline antiche), l’associazione spagnola Trescucarachas, Carlo Marrale (musicista e fondatore dei Matia Bazar) e Eliano Calamaro(primo violino al Teatro Carlo Felice di Genova) per la musica, Virgilio Pronzati per l’enogastronomia internazionale e Gianpaolo Belloni-Zeffirino, ambasciatore della Cucina Italiana nel Mondo).

CONDIVIDI
Articolo precedenteChristmas Market – Artisti in viale Croce: a Nervi il mercatino creativo di Natale
Prossimo articoloA Genova il 2° Caffè delle Reti
Roberta Saettone
Cresciuta di pari passo con il web, ho sviluppato una grande passione per la comunicazione digitale applicandola ai new media, passando dal giornalismo al copywriting con una forte impronta social. Dopo la collaborazione con alcune redazioni, TeleGenova e una web agency torinese, adesso mi occupo dello sviluppo dei contenuti per ZenaZone integrati al web marketing. Viaggiatrice incallita e curiosa osservatrice, mi piace esplorare ciò che mi circonda senza porre limiti ai miei interessi.

NESSUN COMMENTO