Natale 2018: ritorno alla bottega? Cresce l’appeal dei piccoli negozi

Natale 2018

La passeggiata di Natale tra i negozi torna di moda. Quest’anno saranno circa 8,5 milioni gli italiani che cercheranno tra le vetrine degli esercizi di vicinato il regalo da mettere sotto l’albero, quasi 2 milioni di persone in più rispetto al 2017, ed il numero più alto dal 2007. È quanto emerge dalle stime elaborate sul sondaggio condotto da Swg per Confesercenti sulle intenzioni di acquisto in occasione delle festività invernali 2018.

Il survey somministrato ai consumatori, segnala una forte crescita della percentuale interessata ad acquistare nei negozi, che passa dal 16 al 21%, il valore più alto dal 2017. I piccoli negozi sono inoltre l’unico canale di distribuzione commerciale a registrare un aumento delle preferenze. Risultano infatti più o meno stabili mercatini e bancarelle – scelti questo Natale dall’11% degli intervistati contro il 12% dello scorso anno – mentre cala l’appeal delle grandi strutture commerciali (da 35 a 32%) e dà segnali di stabilizzazione anche il web, con una quota di preferenze che dal 34% si assesta al 33% dopo un decennio di crescita sostenuta (nel 2007 la percentuale di segnalazioni dell’e-Commerce era del 7%). «L’indagine condotta a livello nazionale da Swg ci restituisce un dato confortante: vengono infatti riconosciuti il valore socioeconomico dell’imprendore del negozio di vicinato, la sua competenza e professionalità, la sua continua ricerca della qualità, cura e soddisfazione del cliente. Informarsi, specializzarsi, partecipare a corsi, fare rete è il modo per ottenere risultati positivi. Un buon auspicio per il prossimo anno», è il commento di Stefano Vagge, presidente di Fiesa Confesercenti Genova.

«L’aumento di italiani intenzionati ad acquistare nei negozi di vicinato è una conferma della validità del modello commerciale dei piccoli esercizi, elemento sostenibile e inserito nella realtà sociale ed economica dei territori: chi compra in un negozio fa vivere la propria città – spiega Patrizia De Luise, oggi presidente nazionale di Confesercenti, a lungo presidente regionale ligure e provinciale – Un modello che torna a guadagnare consensi tra i consumatori proprio grazie alla sua flessibilità e all’integrazione con il tessuto urbano. E che è in grado di integrarsi allo stesso modo con il web e sintonizzarsi sulle nuove sensibilità dei consumatori. Ora l’auspicio è che le intenzioni di acquisto si tramutino in acquisti reali delle famiglie, su cui grava più incertezza rispetto allo scorso anno».

CONDIVIDI
Articolo precedenteEventi a Genova e in Liguria – sabato 29 dicembre 2018
Prossimo articoloI Cabit festeggiano la tradizione natalizia ligure con il concerto “Unico figlio”
Roberta Saettone
Cresciuta di pari passo con il web, ho sviluppato una grande passione per la comunicazione digitale applicandola ai new media, passando dal giornalismo al copywriting con una forte impronta social. Dopo la collaborazione con alcune redazioni, TeleGenova e una web agency torinese, adesso mi occupo dello sviluppo dei contenuti per ZenaZone integrati al web marketing. Viaggiatrice incallita e curiosa osservatrice, mi piace esplorare ciò che mi circonda senza porre limiti ai miei interessi.

NESSUN COMMENTO