L’Ultima Città – Ricordi e memorie degli abitanti di staglieno, in scena con OrticaLab

ultima città

Domenica 25 giugno alle 18.00 ORTICALAB, IN SCENA! – kermesse che porta sul palco gli spettacoli esito dei laboratori teatrali che si sono svolti durante l’anno – propone l’ultimo appuntamento – L’ULTIMA CITTA’ – Ricordi e memorie degli abitanti di Staglieno con gli allievi del Laboratorio di Ricerca Permanente Adulti «Opera Aperta» (e la partecipazione di Simona Garbarino, Giancarlo Mariottini, Mauro Pirovano, Danilo Spadoni) e la regia di Giancarlo Mariottini – in una cornice d’eccellenza, il CIMITERO MONUMENTALE STAGLIENO.

Vero e proprio museo a cielo aperto della città di Genova, il cimitero di Staglieno fu progettato nel 1835 dall’architetto Carlo Barabino e dalla sua apertura nel 1851, ospita le memorie e i ricordi – pubblici e privati – della città di Genova. Ed è proprio l’architetto Barabino (Mauro Pirovano) ad accompagnare gli spettatori a incontrare gli abitanti di questa singolare città, statue che si animano per raccontare vite esemplari e storie quotidiane di un tempo che chiede di non essere dimenticato: Alfred Noack, il pioniere della fotografia che tanto amò Staglieno da fare dei suoi monumenti uno dei suoi soggetti preferiti.

Caterina Campodonico, la venditrice ambulante di noccioline che investì i risparmi di una vita nel proprio lussuoso monumento funebre; Giovan Battista Vigo, poeta di versi in lingua genovese che proprio a Caterina Campodonico scrisse il famosissimo testo da mettere sulla lapide; Constance Lloyd – moglie di Oscar Wilde – donna dal pensiero vivace e moderno, scrittrice e giornalista vicina al pensiero femminista; Gian Carlo Di Negro, uomo di lettere e poeta, ricordato per i ricevimenti nei quali ospitò gran parte del mondo culturale dell’epoca; Giovanni Scanzi, grande scultore genovese allievo di Santo Varni, autore di molte delle opere che ancora oggi possono essere ammirate all’interno del cimitero monumentale.

Storie e vite donate a chi ascolta, pagine che si lasciano sfogliare generosamente e con gratitudine, per scoprire che le due città sono intimamente comunicanti e che il grandioso cimitero è anche e soprattutto «città dei vivi».

Informazioni e prenotazioni:
Teatro dell’Ortica –via S. Allende, 48 – 16138 Genova
010.8380120
segreteria@teatrortica.it
BIGLIETTO UNICO € 5,00

CONDIVIDI
Articolo precedenteAlla Sala Conte di Genova Pegli un sabato sera di musica classica e jazz
Prossimo articoloFalò di San Giovanni e Ghost Tour 2017
Roberta Saettone
Cresciuta di pari passo con il web, ho sviluppato una grande passione per la comunicazione digitale applicandola ai new media, passando dal giornalismo al copywriting con una forte impronta social. Dopo la collaborazione con alcune redazioni, TeleGenova e una web agency torinese, adesso mi occupo dello sviluppo dei contenuti per ZenaZone integrati al web marketing. Viaggiatrice incallita e curiosa osservatrice, mi piace esplorare ciò che mi circonda senza porre limiti ai miei interessi.

NESSUN COMMENTO