“Le origini del basilico di Prà”: la rievocazione storica in costume con danze e duelli medievali

Basilico

L’Associazione “Gruppo Storico Culturale Praese” organizza per domenica 4 giugno Le Origini del Basilico di Prà – L’arrivo dalla Palestina del Capitano di galea Bartolomeo Decotto con i preziosi semi”, una manifestazione  tesa a ricordare le origini del basilico, portato dalla Palestina dopo la prima Crociata da Bartolomeo Decotto, praese Capitano di galea di Guglielmo Embriaco, nonché un evento che celebra anche la necessità di un riconoscimento delle qualità particolari del basilico coltivato nel territorio di Prà.
Durante l’evento si potrà assistere al corteo in costumi d’epoca, danze medievali di dame, cavalieri e popolani e duelli di spade.

Ecco il programma della giornata: 
-Ore 10:30 – Fascia di rispetto di Pra arrivo di Bartolomeo Decotto accolto da famigli, Nobili e popolani Corteo Medievale sino in piazza Sciesa
-Ore 11:30 – Piazza Sciesa arrivo del Corteo e saluto delle Autorità
-Ore 12:30 – Pausa pranzo con Bancarelle varie di prodotti tipici
-Ore 15:00 – Danze Medievali – Duelli di Spade – Predizioni-Cure-Sortilegi dalle foglie di Basilico
-Ore 16:00 – Inizio Corteo da Piazza Sciesa
-Ore 17:30 – Fine Corteo e Premiazione Gruppi Storici

Bartolomeo Decotto
I semi del basilico giunsero in Liguria e più precisamente a Prà, tra la seconda metà del XI secolo e la prima del XII. In seguito al ritorno del condottiero Guglielmo Embriaco detto “Testa di Maglio“, dalla prima Crociata in Terrasanta da cui portò il Sacro Catino. Il vero tesoro però lo custodiva il Capitano di Galea Bartolomeo Decotto praese, che scoprendo in Palestina gli effetti medicinali del basilico ne portò a Prà alcuni sacchetti. Furono i contadini genovesi che contribuirono alla diffusione del basilico come pianta medicinale, a tal proposito si narra che durante la preparazione di un cataplasma per gli eczemi, lavorando in un mortaio le foglie con delle olive una parte si rovesciò su del pane, qualcuno assaggiò e cosi nacque il Pesto Genovese famoso nel mondo.

CONDIVIDI
Articolo precedenteLe sagre in Liguria dal 26 al 28 maggio
Prossimo articoloSecondo te dove si mangia il migliore pesto genovese? -La finalissima-
Roberta Saettone
Cresciuta di pari passo con il web, ho sviluppato una grande passione per la comunicazione digitale applicandola ai new media, passando dal giornalismo al copywriting con una forte impronta social. Dopo la collaborazione con alcune redazioni, TeleGenova e una web agency torinese, adesso mi occupo dello sviluppo dei contenuti per ZenaZone integrati al web marketing. Viaggiatrice incallita e curiosa osservatrice, mi piace esplorare ciò che mi circonda senza porre limiti ai miei interessi.

NESSUN COMMENTO