“L’arte che ha cambiato l’arte”: a Villa Croce il 4° appuntamento della rassegna con un incontro sull’arte concettuale

Arte

Mercoledì 1 marzo, alle ore 18:00, il Museo d’arte contemporanea di Villa Croce ospiterà il quarto appuntamento del ciclo di conferenze “L’arte che ha cambiato l’arte“, con l’intervento di Anna Daneri su Arte concettuale: le numbers shows di Lucy Lippard 1969-74.

La rassegna “L’arte che ha cambiato l’arte“, avviata al Museo d’arte contemporanea
di Villa Croce lo scorso 25 gennaio, è ideata per i soci del museo e per tutti coloro che vogliano avvicinarsi all’arte contemporanea. La rassegna intende ripercorre la vicenda dei principali movimenti e protagonisti dell’arte europea e statunitense, dalla fine della Seconda guerra mondiale ad oggi, attraverso un punto di vista particolare: la storia delle mostre che hanno cambiato il modo di guardare e di fare arte. Un modo diverso di raccontare le tendenze artistiche del XX e del XXI secolo che parte dalla New York degli anni Cinquanta e arriva ai nostri giorni passando per l’arrivo della Pop Art in Europa, la nascita della Minimal
e della Conceptual Art, il momento del ritorno figurativo degli anni Ottanta, la riflessione sul corpo degli anni Novanta, la necessità di guardare ad altre culture oltre a quella occidentale e la nascita dell’arte relazionale alle soglie del Duemila, per arrivare infine alla formulazione di ipotesi per nuove concezioni di spazio e nuove modalità di racconto per i prossimi decenni.

La mostra è un evento culturale effimero per definizione, in quanto concepita e realizzata da musei, istituzioni o gallerie private nell’arco di un tempo definito. È ormai da qualche tempo che gli studi e anche alcune iniziative hanno messo in evidenza l’importanza di ricostituire sia da un punto di vista allestitivo, sia da un punto di vista curatoriale, esposizioni che hanno rappresentato, per motivi diversi, alcune tappe fondamentali per capire l’arte contemporanea. La mostra può essere considerata la costruzione di un’idea e in alcuni casi ha rappresentato
la concretizzazione di un profondo cambiamento non solo nell’arte ma anche nel modo di proporsi rispetto allo spettatore.

Nell’anno della 57a Biennale di Venezia (che aprirà il prossimo 13 maggio) e della 14a edizione di Documenta a Kassel (inaugurazione il 10 giugno ma anticipazione l’8 aprile con il via alla rassegna ad Atene, la novità di quest’anno), considerate tra le maggiori esposizioni internazionali d’arte contemporanea, gli Amixi di Villa Croce propongono con questa iniziativa 12 appuntamenti, a cura di Anna Costantini, distribuiti in un calendario che arriva fino a luglio e che, in alcuni casi, prevedono gli interventi esterni di alcuni tra i protagonisti delle esposizioni prese in considerazione.

Info:
Museo d’Arte Contemporanea Villa Croce
via Jacopo Ruffini 3, 16128 Genova
010.580069
010.585772

CONDIVIDI
Articolo precedenteEventi a Genova e in Liguria – giovedì 9 marzo 2017
Prossimo articoloAl Teatro Altrove “Open – Reading sulla storia del campione Andre Agassi”
Roberta Saettone
Cresciuta di pari passo con il web, ho sviluppato una grande passione per la comunicazione digitale applicandola ai new media, passando dal giornalismo al copywriting con una forte impronta social. Dopo la collaborazione con alcune redazioni, TeleGenova e una web agency torinese, adesso mi occupo dello sviluppo dei contenuti per ZenaZone integrati al web marketing. Viaggiatrice incallita e curiosa osservatrice, mi piace esplorare ciò che mi circonda senza porre limiti ai miei interessi.

NESSUN COMMENTO