La Guerra Esposta: la mostra al Museo del Risorgimento

la guerra esposta

Pensata dapprima come un riallestimento, La Guerra Esposta è diventata una vera e propria mostra, che va ad integrarsi nel percorso espositivo del Museo del Risorgimento, ampliandolo cronologicamente, e rivelando al pubblico che il museo non è solo “risorgimentale”, ma che con le opere e i documenti conservati  negli archivi e nei depositi dell’Istituto Mazziniano, copre un arco temporale ben più ampio, dall’ antico regime con le note vicende legate al mito del Balilla (1746) al secondo dopoguerra.

L’esposizione propone all’attenzione del pubblico i temi della guerra,  grazie al cospicuo patrimonio di opere d’arte, documenti e cimeli raccolti dal museo durante e dopo conflitto: dipinti e disegni realizzati dagli artisti-soldato, fotografie realizzate sul fronte e sul fronte interno, manifesti di propaganda firmati da artisti di fama, cimeli recuperati sui campi di battaglia o realizzati per essere donati al museo al termine del conflitto.

La mostra presenta complessivamente 21 manifesti di grandi dimensioni, 78 tra dipinti e disegni di artisti  soldato, 2 bozzetti, un centinaio tra cartoline e documenti; 27 fotografie sono esposte nei leggii in saletta dedicata a Cesare Battisti,  oltre alle 45 proiettate nella della sala del 5 maggio 1915 e a quelle contenute negli apparecchi stroboscopici che si possono ammirare all’inizio del percorso; e poi ancora cimeli ed armi raccolti.

I contenuti della mostra sono disponibili anche su tablet a disposizione dei visitatori, curati da Elios Lab – DITEN Università di Genova.

La mostra è corredata dal catalogo in italiano e in inglese La Guerra Esposta, scritto da Raffaella Ponte e Carlo Stiaccini, edito da Stefano Termanini.

Info:
010 5576430
museorisorgimento@comune.genova.it

Orari:
martedì e venerdì 9-14;
mercoledì 9-19;
sabato 10-19.30;
domenica (la prima di ogni mese) 10-19.30
Chiuso: lunedì e giovedì

CONDIVIDI
Articolo precedente“Cibo per gli Antenati, Fiori per gli Dèi”: la mostra al Museo d’Arte Orientale Edoardo Chiossone
Prossimo articoloAlbrecht Dürer: capolavori a bulino
Roberta Saettone
Cresciuta di pari passo con il web, ho sviluppato una grande passione per la comunicazione digitale applicandola ai new media, passando dal giornalismo al copywriting con una forte impronta social. Dopo la collaborazione con alcune redazioni, TeleGenova e una web agency torinese, adesso mi occupo dello sviluppo dei contenuti per ZenaZone integrati al web marketing. Viaggiatrice incallita e curiosa osservatrice, mi piace esplorare ciò che mi circonda senza porre limiti ai miei interessi.

NESSUN COMMENTO