Inquinamento acustico: tre sentenze che hanno condannato un Comune al risarcimento

Che fare quando è il Comune stesso a organizzare eventi rumorosi?

Inquinamento acustico, un problema che si avverte solo quando si è direttamente coinvolti, ma il cittadino il più delle volte si ritrova inerme e incapace di reagire per ri-ottenere la propria tranquillità.

Eppure il diritto al riposo è sacrosanto, ma che fare quando è proprio il comune a organizzare eventi rumorosi per i quali la maggior parte della gente è contenta, come concerti, spettacoli e quant’altro?

Chi è disturbato pensa di non poter fare nulla in quanto è solo contro tutti, in realtà far valere i propri diritti e la possibilità di vedere condannato perfino il proprio comune che organizza o approva eventi disturbanti è possibile.

La nostra conduttrice Michela Resi, bravissima cantante e quindi in evidente conflitto d’interessi 🙂 ha sentito in merito l’avvocato Santo Durelli che ci racconta tre casi differenti, l’ultimo dei quali a Savona, in Liguria, lo ha visto protagonista nella condanna del comune al risarcimento danni nei confronti di una famiglia disturbata da anni da una serie di eventi estivi.

Nota di cronaca: l’avvocato Durelli tutela i diritti delle persone disturbate, ma lo abbiamo visto all’ultimo concerto estivo della nostra Michela Resi sul palco a Cornigliano con Mogol 🙂

NESSUN COMMENTO