I sotterranei di Genova e la peste: viaggio virtuale sotto la superficie della città

sotterranei

Giovedì 11 maggio, alle ore 18:00, presso l’Auditorium del Museo Beni Culturali Cappuccini di Genova il Centro Studi Sotterranei di Genova presenterà “I sotterranei di Genova e la peste. Studi, ricerche ed esplorazioni del Centro Studi Sotterranei a Genova“.

Il Centro Studi Sotterranei, che da oltre trent’anni si occupa della ricerca, studio, esplorazione e della documentazione delle strutture nascoste sotto la superficie della città, condurrà gli spettatori alla scoperta di una Genova invisibile, sorprendentemente variegata, misteriosa e insospettabile.

Il viaggio virtuale nella città sotterranea, attraverso un percorso per immagini, culminerà con il ritrovamento delle testimonianze della peste seicentesca ancora presenti nel cuore del sottosuolo del parco dell’Acquasola, proprio a pochi passi dal museo allestito dai Padri Cappuccini.

Ci accompagneranno in questa avventura:
Roberto Bixio, speleologo, componente della Commissione Cavità Artificiali della UIS (Union Internationale de Spéléologie)
Andrea De Pascale, archeologo, direttore scientifico del Centro Studi Sotterranei, conservatore del Museo Archeologico del Finale
Stefano Saj, architetto, presidente del Centro Studi Sotterranei, direttore di Opera Ipogea-Journal of Speleology in Artificial Cavities

I curiosi possono trovare una piccola anteprima alla pagina:
https://www.facebook.com/centrostudisotterraneigenova/

Ingresso: offerta libera

La mostra è visitabile sino al 2 luglio 2017 da martedì alla domenica ore 15,00-18,30; giovedì ore 10,00/13,00 – 14,30/18,30. Visite guidate per gruppi su prenotazione: 010.8592759, www.bccgenova.itinfo@bccgenova.org

twitter: @museobccgenova

Ingresso Museo da via B. Bosco (dietro il Palazzo di Giustizia)
Museo dei Beni Culturali Cappuccini di Genova
Viale IV Novembre, 5     16121 Genova
Info: 010 8592759
www.bccgenova.it
info@bccgenova.org

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteCome prendersi cura della pelle sensibile
Prossimo articoloSanremo Rock 2017: la finalissima al Palafiori di Sanremo
Roberta Saettone
Cresciuta di pari passo con il web, ho sviluppato una grande passione per la comunicazione digitale applicandola ai new media, passando dal giornalismo al copywriting con una forte impronta social. Dopo la collaborazione con alcune redazioni, TeleGenova e una web agency torinese, adesso mi occupo dello sviluppo dei contenuti per ZenaZone integrati al web marketing. Viaggiatrice incallita e curiosa osservatrice, mi piace esplorare ciò che mi circonda senza porre limiti ai miei interessi.

NESSUN COMMENTO