Gomme invernali: perché cambiarle?

Con l’arrivo delle temperature fredde, è necessario cambiare gli pneumatici della propria automobile. Se un tempo si parlava delle comuni gomme “da neve” oggi molti preferiscono utilizzare il termine gomme invernali. Il cambio nome di questi oggetti non è da ricercare solo in una comune tendenza.

Difatti, le gomme invernali differiscono da quelle conosciute come gomme da neve. Difatti, gli pneumatici invernali sono stati realizzati e concepiti con il preciso intento di affrontare nel migliore dei modi tutte le circostanze climatiche che si possono incontrare in inverno, non solo la neve. Se si riflette sul ruolo delle gomme invernali, si può comprendere che quest’ultime devono svolgere un super-lavoro, dal momento che devono assicurare prestazioni ottimali anche quando l’asfalto risulta essere scivoloso, umido e freddo. Occorre dunque analizzare nel dettaglio gli pneumatici invernali, così da comprendere al meglio come utilizzarle al meglio.

Pneumatici invernali: non tutti i modelli sono uguali

La prima cosa da comprendere in merito agli pneumatici invernali sta nel fatto che non tutti i modelli presenti sul mercato sono uguali. Anzi, a volte possono esserci differenze stratosferiche in merito a prestazioni offerte e caratteristiche principali. Inoltre, bisogna considerare che le gomme invernali devono essere montate per legge su alcuni veicoli in determinati luoghi oppure zone. Difatti, queste speciali gomme, rientrano in quelli che vengono definiti come “mezzi antisdrucciolevoli”. Inoltre, a differenza delle catene che vengono montate sulle ormai antiquate gomme da neve, gli pneumatici invernali agiscono a 360 gradi sul veicolo, sia sulla parte anteriore che sulla parte posteriore, permettendo un controllo totale del mezzo di trasporto.

Ma come è possibile riconoscere le diverse categorie di gomme invernali? Ebbene, per comprendere le diverse categorie, è presente una classificazione ben precisa. La classe di ogni pneumatico si riconosce a seconda delle lettere disegnate sulla parte esterna della gomma. A volte, sulla parte esterna possono trovarsi simboli come M-S, MS oppure M+S. Comunque, per comprendere quelle che sono le gomme di alta qualità, occorre osservare se quest’ultime sulla parte esterna possiedono anche il simbolo delle tre montagne, accompagnato da un piccolo fiocco di neve. Inoltre, occorre sapere che se le gomme invernali possiedono le misure indicate sul libretto di circolazione dell’auto possono essere montate durante ogni periodo dell’anno. Ciò significa che queste gomme possono essere utilizzate per tutte e 4 le stagioni, praticamente sempre. Tuttavia, per non rischiare usure o particolari danni alle ruote, si consiglia di non utilizzare gli pneumatici in oggetto in zone aridi o dove sono presenti climi estremi.

Quali pneumatici scegliere?

Fare la scelta migliore, se si vuole avere una buona tenuta di strada in ogni condizione, è senza ombra di dubbio molto importante per la propria sicurezza. Per chi non ha ancora deciso quale marca di pneumatico scegliere, il nostro suggerimento è di osservare le proposte di pneumatici Continental Oponeo. Azienda tra le più note al mondo, Continental offre una serie di soluzioni studiate ad hoc per chi guida in inverno. La sicurezza, la tenuta di strada e una perfetta governabilità del mezzo sono i punti di forza dei pneumatici presenti nella categoria invernale.

Quali sono le regole inerenti agli pneumatici invernali?

A questo punto, occorre considerare quelle che sono le norme e le regole che riguardano il montaggio delle gomme invernali. In effetti, la regola generale del codice della strada dice che tali gomme devono essere montate dal 15 novembre al 15 aprile. Naturalmente, l’obbligo di montaggio vige solo in zone che sono a rischio neve, ma tale normativa viene strettamente indicata più volte con l’avvicinarsi del periodo d’obbligatorietà. Se si analizza la norma nel dettaglio, si può vedere come sul portale ufficiale online della Polizia di Stato, venga indicata la possibilità di poter montare addirittura ruote invernali che abbiano un codice di velocità inferiore rispetto a quello che viene riportato sulla carta di circolazione del proprio veicolo stradale. Tutto ciò naturalmente, viene fatto per ridurre gli incidenti e per diminuire la velocità delle auto in circolazione. D’altronde, occorre considerare che con un manto stradale non in perfette condizioni, la guida diviene molto più difficile rispetto agli standard.

Come bisogna regolarsi invece quando occorre sostituire le gomme invernali con quelle estive? Ebbene, in tal caso le ruote che si andranno a montare non dovranno mai scendere dal codice di velocità riportato sulla carta di circolazione. Inoltre, è assolutamente importante ricordare che gli pneumatici smontati durante il cambio stagionale, devono essere stoccate e conservate in luoghi appositi. Per questa ragione, si consiglia di posizionarli nel proprio garage o magari in una cantina personale. Se proprio non si riesce a trovare un luogo, bisogna ricordare che ci sono gommisti professionali che offrono il servizio di stoccaggio a prezzi ragionevoli.

NESSUN COMMENTO