Giornate FAI di Primavera: 15 beni culturali aperti al pubblico in 8 location liguri

Giornate Fai

Sabato 25 e domenica 26 marzo lungo sei percorsi attraverso alcuni luoghi della Liguria, da Levante a Ponente, i volontari del FAI accompagneranno i liguri e gli amici della Liguria alla riscoperta della bellezza che li circonda e che talvolta non è conosciuta o non viene vista. Saranno due giornate trascorse a stretto contatto, trascorse dentro la bellezza della natura, della storia, dell’arte e della civiltà della nostra regione.

Quest’anno si festeggia la 25° edizione delle Giornate: è un compleanno importante per una magnifica festa di piazza a cui gli italiani non sanno più rinunciare. Per rimanere nella nostra terra, nei 25 anni di GFP in Liguria sono stati aperti 359 beni e accogliendo circa 243.000 visitatori.
Quest’anno quindi verranno celebrate le “nozze d’argento” tra le Giornate FAI di Primavera e gli italiani, venticinque anni trascorsi con l’orgoglio e la consapevolezza di vivere nel Paese più bello del mondo; certamente è un traguardo di cui essere fieri, ma è anche un punto di partenza: verso i prossimi venticinque anni? Meglio e di più, questa è la partenza verso un futuro a cui non vogliamo porre confini, verso tempi in cui questo incontro collettivo continuerà a crescere.

La Presidente Regionale del FAI Liguria, Roberta Cento Croce, ci dice che “questi 25 anni di Giornate FAI di Primavera hanno visto una progressiva trasformazione nel concetto di GFP perché ricordiamo che le prime giornate avevano la funzione di portare la gente sui luoghi ma anche di far conoscere il FAI alle persone.  Nel corso di questi decenni la situazione è cambiata: il FAI è caro agli Italiani ed è diventato un tramite tra le persone e il loro territorio, un momento di connessione forte, ormai ricercato e atteso periodicamente, e quando si dice territorio si intende in modo totale, ambiente,  paesaggio, arte, cultura, storia, tradizioni.  Quindi una comprensione globale di tutto ciò da cui veniamo e di quelle che sono le  nostre radici. Insomma, un momento di grande presa di coscienza e di crescita culturale, civile, umana“.

Anche quest’anno, i visitatori potranno avvalersi di guide d’eccezione: docenti universitari, storici dell’arte, ma anche gli esperti volontari del FAI e i Giovani Apprendisti Ciceroni®, ragazzi delle scuole superiori della Liguria, e il FAI Giovani. Tutte le visite sono a contributo libero e sarà possibile iscriversi al FAI in ciascun bene aperto.

Con 15 luoghi aperti in 8 località della Liguria le Giornate FAI di Primavera sono il più importante evento di piazza dedicato ai beni culturali. I siti visitabili sabato 25 e domenica 26 marzo rappresentano la Liguria in tutti i suoi aspetti, dall’arte all’industria, dalla vita sociale al paesaggio. Per l’elenco completo delle 1000 aperture nazionali è possibile consultare il sito: www.giornatefai.it #giornatefai e #faicambiarelitalia.
Ma quali sono i beni che verranno aperti al pubblico dalle sei delegazioni liguri durante le giornate di sabato 25 e domenica 26?

-La delegazione di Imperia svela il centro storico di Taggia ed alcuni suoi monumenti di eccellenza
-la delegazione Albenga-Alassio propone due monumenti della storia antica e recente di Finale Ligure: il forte di Castelfranco e l’hangar sperimentale della Piaggio
-la delegazione di Savona apre al pubblico un importante bene storico e una meraviglia della Riviera: il forte San Giacomo e l’isola di Bergeggi
-la delegazione di Genova accoglierà i visitatori nei vasti spazi dell’Albergo dei Poveri di Genova e all’Archivio Storico della Fondazione Magistrato di Misericordia.
-la delegazione Portofino-Tigullio apre il complesso monumentale di San Gerolamo della Cervara
-la delegazione di La Spezia aprirà le porte del comprensorio del Varignano della Marina Militare

Inoltre saranno aperti i Beni FAI presenti in provincia: Barberia di Vico Caprettari a Genova, Abbazia di San Fruttuoso a Camogli, Casa Carbone a Lavagna

Alcuni tra questi beni (o alcune parti di essi) saranno aperti alle visite per i soli iscritti FAI e per chi si iscriverà durante le GFP:
Camogli (GE) – Bene FAI – Abbazia di San Fruttuoso
sabato 25 e domenica 26, ore 10.00-15.45: apertura a tutti
sabato 25 e domenica 26, ore 11.00–15.00: visita al piano centrale della Torre Doria riservata agli Iscritti FAI

Taggia (IM) – Chiesa di Santa Maria della Misericordia e Convento dei Padri Domenicani
domenica 26, ore 10.00–18.00: apertura a tutti; la visita alla Biblioteca del Convento sarà riservata agli Iscritti FAI

Bergeggi (SV) – Isola di Bergeggi
sabato 25 e domenica 26, ore 9.00 / 10.45 / 12.30 / 14.15 / 16.00: ingresso riservato agli Iscritti FAI, su prenotazione al sito www.faiprenotazioni.it a partire dal 15 marzo

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteCorso base di Astronomia con l’Associazione Ligure Astrofili Polaris
Prossimo articoloAldo Ascolese in concerto a Fezzano tra musica e degustazioni
Roberta Saettone
Cresciuta di pari passo con il web, ho sviluppato una grande passione per la comunicazione digitale applicandola ai new media, passando dal giornalismo al copywriting con una forte impronta social. Dopo la collaborazione con alcune redazioni, TeleGenova e una web agency torinese, adesso mi occupo dello sviluppo dei contenuti per ZenaZone integrati al web marketing. Viaggiatrice incallita e curiosa osservatrice, mi piace esplorare ciò che mi circonda senza porre limiti ai miei interessi.

NESSUN COMMENTO