“Frammenti d’amore” vince il premio Ipazia alla Nuova Drammaturgia 2018

premio ipazia

Frammenti d’amore  è il testo vincitore della VI edizione del Bando Premio Ipazia alla Nuova Drammaturgia, incentrato sulla figura di Johanna Van Gogh, cognata e biografa del pittore. L’annuncio ufficiale è stato fatto mercoledì 21 novembre in un incontro al Museo dell’Attore di Genova, nell’ambito del Festival dell’Eccellenza al Femminile. L’autrice è Maria Carmela Mugnano, già vincitrice del Bando dello scorso anno con il testo Come un Sasso in fondo al mare.

Lo ha decretato la Giuria composta da Silvana Zanovello (giornalista e critico teatrale, Presidente), Caterina Carbone (docente Drammaturgia Antica Università di Padova e Vice Presidente Associazione Nazionale Critici di Teatro), Eugenio Pallestrini (Presidente Museo Biblioteca dell’Attore di Genova, sede ufficiale del Premio), Carla Olivari (Vice Presidente Museo Biblioteca dell’Attore Genova), Giuliana Manganelli (critico teatrale), Stefano Bigazzi (giornalista), Gianfranco Bartalotta (Docente di Processi Formativi nel Teatro e nello Spettacolo Università Roma 3 e direttore della Rivista Teatro Contemporaneo e Cinema).

Questa la motivazione: “Indipendenza, autonomia di giudizio, sensibilità sono le doti che fanno di Johanna Gesina Bonger cognata di Vincent Van Gogh una figura unica nel campo campo del mecenatismo e dell’imprenditorialità artistica. E che Frammenti d’amore restituisce con buona traduzione drammaturgica, fedele inquadramento storico, linguaggio scorrevole, sulla scia della biografia scritta dalla moglie di Theo, Mio cognato Van Gogh e ripresa alcuni romanzi. Senza trascurare i dettagli che possono aiutare anche lo spettatore più distratto a ricostruire una storia spesso offuscata mediaticamente da altri episodi più clamorosi nella vita dell’artista, la piecè , articolata come conversazione postuma tra i due,  gioca anche su un rimando estremamente discreto di allusioni alla vita familiare e sentimentale, a un bisogno di affetto e di emozioni che Johanna trova pienamente soltanto nell’arte e che la impegna a trasmetterla al figlio come eredità spirituale, non solo economica“.

Il Premio nasce nell’edizione 2012 del Festival dell’Eccellenza al Femminile con la finalità di valorizzare il ruolo e l’immagine della donna nel Teatro e nello spettacolo. Ha l’obiettivo di mettere in contatto gli esperti di settore con i drammaturghi per favorire nuove opportunità di lavoro. Ogni anno gli autori e le autrici saranno chiamati ad affrontare nei loro testi tematiche al femminile. Dopo aver affrontato il tema del Viaggio nel 2017, l’anno del turismo eco-sostenibile, nel 2018 l’anno dei Beni Culturali, il Premio coglie l’occasione per affrontare una riflessione sul tema del rapporto tra le Donne e i Beni Culturali, nel ruolo di conservazione, valorizzazione e organizzazione dei medesimi, di cui le Donne si fanno carico sin dall’antichità. Il Bando 2018 aderisce al titolo del festival di quest’anno e ha proposto la “narrazione” dei Beni Culturali in relazione alla figura femminile, da diversi punti di vista dalla storia dell’antichità al presente. Il Premio Ipazia alla Nuova Drammaturgia intende indagare gli aspetti più importanti di questa relazione, al fine di attirare la loro attenzione  su esempi di Eccellenza al Femminile e di Eccellenza del nostro Patrimonio Culturale e Storico.  Da quest’analisi si auspica possa emergere il profondo rapporto tra il fattore Donna e il fattore Storia/Heritage/Beni Culturali, con la speranza che anche la scrittura drammaturgica possa incentivarne la valorizzazione in tutte le sue espressioni.

Info:
www.eccellenzalfemminile.it
010 6048277
scheggedimediterraneo@fastwebnet.it
segreteria@eccellenzalfemminile.it

CONDIVIDI
Articolo precedenteEventi a Genova e in Liguria – domenica 2 dicembre 2018
Prossimo articolo“Tutta colpa dell’Europa!” tavola rotonda al Festival dell’Eccellenza al Femminile
Roberta Saettone
Cresciuta di pari passo con il web, ho sviluppato una grande passione per la comunicazione digitale applicandola ai new media, passando dal giornalismo al copywriting con una forte impronta social. Dopo la collaborazione con alcune redazioni, TeleGenova e una web agency torinese, adesso mi occupo dello sviluppo dei contenuti per ZenaZone integrati al web marketing. Viaggiatrice incallita e curiosa osservatrice, mi piace esplorare ciò che mi circonda senza porre limiti ai miei interessi.

NESSUN COMMENTO