Fantacalcio: a quali bomber possiamo affidarci?

Si sa, la domenica nelle case degli italiani, uno dei pensieri fissi è il fantacalcio.

Uomini – ma anche donne – di tutte le età sperano in un gol del loro beniamino, che potrebbe svoltare la giornata (fantacalcistica ma non solo) in positivo o in negativo.

E chi potrebbero essere i più amati se non loro, i bomber, quelli che vedono di più la porta e che non possono sbagliare, in nessuna maniera. Siamo praticamente sicuri che, almeno nella stragrande maggioranza delle leghe di quest’anno, l’attaccante più pagato è stato un portoghese che risponde al nome di Cristiano Ronaldo. E se nelle prime giornate si è fatto un po’ attendere, come solo una bella donna sa fare, ora CR7 si è definitivamente sbloccato. Otto reti in dodici partiti, ben divisi, con due doppiette: per ora, l’affare è fatto. Ronaldo, leader assoluto nella fantamedia delle prime 12 giornate, non è il primo nella classifica marcatori. Condivide il secondo posto assieme a Ciro Immobile, un altro a cui il gol non manca mai, ma entrambi sono dietro a Krzysztof Piatek: il centravanti polacco, nonostante cerchi ancora la prima rete sotto la guida di Ivan Juric, ha messo a referto nove reti in stagione, al suo primo anno di Serie A. Meglio di Cristiano Ronaldo, ma anche di fenomeni del gol come Icardi e Immobile. Questi ultimi, però, l’hanno messo nel mirino e, dopo averlo avvicinato, sono pronti al sorpasso.

Per vincere il fantacalcio, si sa, non c’è bisogno soltanto di fare gol. C’è bisogno di fare gol sempre, con costanza, senza fermarsi troppo. Riuscire a portare a casa un attaccante che timbra il cartellino praticamente sempre, con regolarità, è qualcosa che può sicuramente portare al successo. Analizzando le statistiche relative ai bomber che hanno disputato almeno una stagione intera in Serie A – quindi Cristiano Ronaldo escluso -esce fuori che l’attaccante più continuo è Ciro Immobile. Il bomber della Lazio, infatti, nel 50.7% delle volte in cui nella giornata precedente ha segnato un gol, si ripete quella successiva. Praticamente la metà delle volte in cui mette il pallone alle spalle del portiere avversario lo fa anche la partita successiva; una media incredibile e molto simile a quella di un attaccante che è finito nel mirino della critica nell’ultima settimana: parliamo di Gonzalo Higuain, anche lui con un rate del 50% netto. Il Pipita non sta vivendo un momento molto esaltante, vista la squalifica per due turni che gli impedirà di aumentare il suo bottino da 5 reti in Serie A. Note di merito anche per Edin Dzeko (44.2%) e, a sorpresa, Josip Ilicic (38.9%). Seguono, poi, Icardi (37.5%) e Mertens (37.3%)

Chi sono quelli, invece, a cui non bisogna affidarsi per quanto riguarda gol consecutivi? Tra i titolarissimi, i numeri condannano Roberto Inglese, che con il 18.2% è l’attaccante meno continuo del campionato, e Arek Milik, che tocca appena il 20%. In questa lista c’è anche il Gallo Belotti (27.9%), da molti acquistato quest’anno, sperando nel suo rilancio.

Attenzione ai numeri, dunque. Perché, anche se freddi e privi dell’aspetto sentimentale, non mentono mai.

NESSUN COMMENTO