Eventi a Genova e in Liguria – Ottobre 2020 – 2°Aggiornamento

Michela Resi
Michela Resi

Secondo aggiornamento di ottobre 2020 per il nostro ZenaWeek,  l’autunno è ormai inoltrato e la temperatura inizia a scendere. Nonostante le nuove restrizioni per la pandemia vi sono diversi nuovi eventi per cui è necessario un aggiornamento video.

Se volete segnalare un evento potete utilizzare la mail info@zenazone.it – ricordatevi di inviarci il materiale con un certo anticipo in modo che possiamo inserirlo nel primo aggiornamento utile.

FESTIVAL DELLA SCIENZA 2020

Una conferenza su Leonardo della scorsa edizione
Una conferenza su Leonardo della scorsa edizione

Tre premi Nobel per la Fisica, 240 protagonisti in totale: sono molti i nomi di spicco che saranno presenti alla diciottesima edizione del Festival della Scienza di Genova, una delle più grandi manifestazioni al mondo di diffusione della cultura scientifica. L’evento, da giovedì 22 ottobre a domenica 1° novembre 2020, inonderà la città di Genova con conferenze, laboratori, mostre e spettacoli per visitatori di ogni età e livello di conoscenza, per raccontare la scienza in modo innovativo e coinvolgente.
Il programma è consultabile sul sito web del Festival della Scienza (www.festivalscienza.it).
La vendita a distanza dei biglietti e delle prenotazioni, da effettuare in autonomia dal sito del Festival e per la prima volta anche con il supporto telefonico del call center, sarà disponibile da giovedì 15 ottobre.
Nel segno delle Onde, parola chiave della nuova edizione, il Festival della Scienza si presenta quest’anno con una nuova formula studiata per essere accessibile a tutti e in sicurezza in tempi di Covid-19.
Gli eventi in presenza si svolgeranno in scrupolosa compatibilità con le misure vigenti di prevenzione dal contagio, con ingressi contingentati e prenotazioni obbligatorie, presenza limitata di pubblico nelle sale e misurazione della temperatura corporea, sanificazione degli spazi prima e dopo gli eventi.
Per studenti e insegnanti, il Festival ha scelto di realizzare solo un’offerta a distanza, costituita da un ampio e multidisciplinare programma online composto di laboratori, visite virtuali e webinar, fruibile da scuola e da casa.
Cuore pulsante dei laboratori sarà anche quest’anno Piazza della Feste: una vera e propria agorà in cui il pubblico di tutte le età potrà trovare il proprio spazio di gioco, di approfondimento e di confronto su numerosi temi, grazie anche alla presenza degli animatori scientifici del Festival della Scienza: dai crateri d’impatto ai colori dell’energia, dalla plastica agli elettroni, dalla geofisica alle materie prime critiche, dalle maree all’onda inarrestabile delle donne nella scienza, dall’olio alla lana, dalla stenoscopia alla fotografia digitale.
Nel laboratorio Facciamo luce sulla Chimica si esploreranno le interazioni tra la luce e la materia attraverso le manifestazioni spettacolari che queste producono, osservando come la luce possa intervenire in tutti i passaggi di una reazione chimica.
I colori dell’energia è il laboratorio proposto dall’Istituto di Chimica dei Composti OrganoMetallici del Cnr, nell’ambito del progetto RM@Schools realizzato dal network nazionale de “Il Linguaggio della Ricerca” che mostrerà alcune particolari celle solari che funzionano come le foglie degli alberi: trasformano la luce del sole in energia, immagazzinandola chimicamente.

LE GIORNATE DEL FAI D’AUTUNNO
Tornano le Giornate FAI d’Autunno, mille aperture a contributo libero in 400 città in tutta Italia, organizzate per la prima volta in due fine settimana, sabato 17 e domenica 18, sabato 24 e domenica 25 ottobre, per accompagnare il pubblico, nel pieno rispetto delle norme di sicurezza sanitaria, alla scoperta del patrimonio artistico, storico e culturale del nostro Paese, spesso poco conosciuto o valorizzato.
Due opportunità particolari per scoprire e ripercorrere la storia del quartiere di Carignano e l’evoluzione della struttura urbanistica della città.
Insieme ai volontari del Fondo Ambiente Italiano a Genova saranno infatti visitabili la Basilica di Santa Maria Assunta di Carignano (sabato 17 ottobre dalle 10 alle 17 – ultimo ingresso ore 16.30) e l’Archivio di Stato (sabato 24 ottobre dalle 14 alle 18 e domenica 25 ottobre dalle 10 alle 18 – ultimo ingresso ore 17).
La riscoperta del quartiere di Carignano, insieme alla Delegazione FAI Genova e al FAI Giovani Genova, parte sabato 17 ottobre dalla Basilica di Santa Maria Assunta, tra storia e leggenda. La basilica, che svetta al culmine della collina di Carignano, è una delle più note opere genovesi di Galeazzo Alessi e uno dei maggiori esempi di architettura rinascimentale della città. Le sculture di Pierre Puget e Filippo Parodi contenute al suo interno sono fra i più alti capolavori del barocco genovese.
Già chiesa gentilizia della famiglia Sauli divenne in seguito abbazia, collegiata e basilica minore. Per la sua posizione preminente è ben visibile da molte parti della città, sulla quale si affaccia con quattro prospetti identici, anche se oggi parzialmente nascosti da moderni edifici. Iniziata intorno alla metà del Cinquecento, la sua costruzione si protrasse fino all’inizio del secolo seguente, ma i lavori continuarono anche nei secoli successivi; per questo motivo nel linguaggio popolare divenne proverbiale l’espressione “A l’è comme a fabrica de Caignan” (“è come la fabbrica di Carignano”) per indicare un’impresa interminabile.
Volete un’anteprima? ecco il nostro video con Roberta Ardito che vi racconta la leggenda della nascita della “Fabbrica di Carignano”.

Nel weekend successivo, sabato 24 e domenica 25 ottobreseconda tappa della Giornata FAI d’Autunno a Genova sarà l’Archivio di Stato. Ufficio periferico del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo, l’Archivio è ospitato all’interno del Complesso monumentale di Sant’Ignazio, in Piazza Santa Maria in Via Lata. Conserva, tutela e valorizza un ricco patrimonio documentario statale, che include circa 128.000 unità archivistiche tra registri, buste, volumi, filze, pacchi e cartolari, 2.000 fogli e mappe e 3.690 pergamene, oltre a una biblioteca con circa 10.000 volumi e opuscoli e una scuola d’archivistica, diplomatica e paleografia latina. Istituito nel 1817, oggi l’Archivio di Stato di Genova conserva tutti gli atti notarili redatti da professionisti che abbiano cessato l’attività da oltre un secolo e costituisce così il più antico e vasto archivio notarile del mondo. Nel 1881 l’Archivio di Genova acquisì anche l’ampio corpus relativo all’attuale Banco di San Giorgio, è l’unico Archivio dell’Occidente che conservi gli originali di documenti bizantini del XII secolo e custodisce, infine, un corpus di fonti colombiane e documenti fondamentali per la storia del Risorgimento. Una ricchezza di documenti per cui l’Archivio da due secoli è assiduamente consultato dagli storici di tutti i paesi e nel 1949 è stato dichiarato «patrimonio italiano dell’umanità».
Le visite sono a contributo libero. Per garantire la sicurezza e il rispetto delle norme anti-contagio, i posti sono limitati ed è consigliata la prenotazione online sul sito www.giornatefai.it.
Per informazioni: tel.010/2091043 o 333/7781977

FESTIVAL DELL’ECCELLENZA FEMMINILE
Si inaugura venerdì 16 ottobre (ore 17) al Teatro della Corte di Genova la XIV edizione del Festival dell’Eccellenza al Femminile con la consegna dei Premi Ipazia 2020. L’incontro, a cui parteciperà Elena Bonetti, Ministra per le Pari Opportunità e per la Famiglia, aprirà la strada ai temi affrontati nelle nove giornate del programma che continua fino a sabato 24 ottobre a Genova e a Sestri Levante, con incontri, proiezioni, performance e spettacoli.
Il titolo della manifestazione organizzata da Schegge di Mediterraneo e diretta da Consuelo Barilari sarà “Fattore D – Donne per un Nuovo Rinascimento”.
Lavoro, arte e informazione saranno al centro di un dibattito che vuole aprire una finestra nuova sul valore della partecipazione femminile alla vita culturale, economica e politica.

Zehra Dogan
Zehra Dogan

L’artista e giornalista curda Zehra Dogan, perseguitata e incarcerata in Turchia, simbolo nel mondo della resistenza e della battaglia per i diritti, riceverà il Premio Ipazia all’Eccellenza Femminile Sezione Internazionale.
A lei e alle combattenti curde che lottano per la libertà delle donne saranno dedicate due intere giornate: un incontro a Palazzo Ducale il 17 ottobre, condotto dalla giornalista Rai Giusi Sansone e la proiezione il 21 ottobre a Sestri Levante del film Terroriste. Zehra e le altre di Francesca Nava, in presenza della regista.
La scienziata Ilaria Capua riceverà il Premio Ipazia all’Eccellenza al Femminile Sezione Nazionale, mentre il Premio Lady Truck Raimondo Sirotti Imprese Eccellenti Femminili – con la consegna di un quadro del maestro ligure – andrà alla giornalista Carmen Lasorella, a cui sarà donata l’opera Senza Titolo 2013 del maestro ligure.
Si chiude sabato 24 ottobre a Sestri Levante, nella Sala Agave del Convento dell’Annunziata, con la proiezione del film “Mi sono innamorato di Pippa bacca” di Simone Mainetti: un omaggio all’artista italiana uccisa in Turchia nel 2008 a cui è dedicato il Premio Ipazia per le Performing Arts. Parteciperanno, insieme al regista, la famiglia Bacca e il comitato d’indirizzo del premio, composto da Consuelo BarilariStefano Bigazzi, Bettina BushAlessandra Gagliano Candela (vice direttrice Accademia Ligustica di Belle Arti di Genova), Gian Maria Cervo (direttore artistico del Festival Internazionale “Quartieri dell’Arte”), Linda KaiserVirginia MonteverdeEugenio Pallestrini,  Chico Schoen (gallerista) e Francesca Serrati (direttrice Museo GAM e Museo di Villa Croce).
Per informazioni: scheggedimediterraneo@fastwebnet.it
Web: www.eccellenzalfemminile.it
Biglietti: https://biglietti.teatronazionalegenova.it/prenota/132533-premio-istituzionale-del-festiva-dell-eccellenza-femminile.htm

TINTARELLA DI LUNA
Con Tintarella di luna, nuova produzione del Teatro Nazionale di Genova che debutta al Teatro Gustavo Modena dal 14 al 25 ottobre, Giorgio Gallione torna a esplorare il mondo complesso e visionario, ironico e anticonvenzionale di un autore amatissimo, alla cui opera si è ispirato più volte sin dagli esordi registici.

Tintarella di luna - prove - ph Federico Pitto
Tintarella di luna – prove – ph Federico Pitto

“Giorgio Gallione porta all’interno del Teatro Nazionale di Genova una grande eredità artistica. La produzione di Tintarella di luna, che in origine avrebbe dovuto debuttare lo scorso aprile, era stata bloccata sul nascere dall’emergenza coronavirus: il lockdown è arrivato quando le prove erano appena iniziate” racconta Davide Livermore, Direttore del Teatro Nazionale di Genova.
«Essere riusciti a produrre lo spettacolo adesso, nonostante tutte le difficoltà, ci rende
particolarmente felici. È un segnale importante della vitalità e della capacità di reazione di questo teatro e di tutta la città».
Interpretato dagli attori Cristiano Dessì, Rosanna Naddeo, Andrea Nicolini e dai danzatori del gruppo DEOS Luca Alberti, Diletta Brancatelli, Giuseppe Insalaco, Angelica Mattiazzi,
Valentina Squarzoni, Francesca Zaccaria, Tintarella di luna è un lavoro corale, con le
coreografie di Giovanni Di Cicco e le musiche di Paolo Silvestri strettamente legate all’impianto drammaturgico.
Nello spettacolo il protagonista delle Cosmicomiche Qfwfq – creatura in perenne metamorfosi che attraversa svariate dimensioni spazio-temporali – affianca lo stesso Calvino, come una sorta di alter ego. Insieme i due evocano storie divertenti e sognanti, che prendono corpo tra danze, canzoni e una miriade di citazioni, dal cinema anni Quaranta a Borges, da Marilyn Monroe a Braccio di ferro.
L’atmosfera surreale è ben evocata dalle scenografie di Marcello Chiarenza, i costumi di Francesca Marsella e le luci di Aldo Mantovani. Interpreti e spettatori vengono
catapultati su pianeti bizzarri dove si cammina su fazzoletti di nuvole, ci si culla in primavere di quarzo, ci si tuffa in un musical scatenato, in un gioco continuo dove la fantasia e l’ironia sono le uniche regole certe.
Tintarella di luna è in scena al Teatro Gustavo Modena (Piazza Modena 3, Genova) da mercoledì 14 a domenica 25 ottobre, martedì, mercoledì e venerdì ore 20.30, giovedì e sabato ore 19.30, domenica ore 16, lunedì riposo.
Saranno messe in atto tutte le precauzioni previste dai protocolli per il contenimento del coronavirus (misurazione della febbre, disinfezione delle mani, posti distanziati, obbligo di mascherina anche in sala).
Info e biglietti su www.teatronazionalegenova.it.

TORNA IL TALENT GENOVA PER VOI
Giunta alla ottava edizione“Genova per Voi” si conferma una realtà importante e consolidata del mondo dell’industria dello spettacolo che contribuisce a creare il successo della musica italiana.
Prodotta da ATID, con il sostegno di SIAE – Società Italiana degli Autori ed Editori, e  la collaborazione del Comune di Genova, ha come premio un contratto editoriale con Universal Music Publishing Ricordi.
Tutti i finalisti, indipendentemente dall’età, beneficeranno inoltre dell’iscrizione gratuita per un anno a SIAE.
La Direzione Artistica è del cantautore e drammaturgo Gian Piero Alloisio, la Direzione Organizzativa è del giornalista musicale Franco Zanetti.
L’ottava edizione si svolgerà su due anni: le Selezioni nel 2020, i Laboratori e la Finale nel 2021.
Per compensare il mancato o ridotto contributo economico, causa COVID, di alcuni enti che negli anni scorsi ci avevano aiutato a sostenere le spese della manifestazione, per la prima volta verrà richiesta una quota di iscrizione (25 euro).
Durante i laboratori, i finalisti saranno seguiti dal team di Universal Music Publishing diretto da Klaus Bonoldi.
Le precedenti edizioni hanno scoperto grandi talenti come Federica Abbate, l’autrice italiana più venduta di sempre.
Ha firmato numerose hit (per Baby K. e Giusy Ferreri, Loredana Berté, Boomdabash, Michele Bravi, Fedez, Fiorella Mannoia, Francesca Michielin, Noemi, Marracash, Eros Ramazzotti..) che le sono valse decine di Dischi di Platino. Firma il singolo più venduto del 2019 “Una volta ancora” di Fred de Palma e Ana Mena conquistando 5 Dischi di Platino in Italia e 4 in Spagna. Nell’estate 2020 continua a dominare le classifiche italiane scrivendo brani come “Karaoke” di Alessandra Amoroso e Takagi e Ketra (3 Dischi di Platino), “Mediterranea” di Irama (3 Dischi di Platino), “A un passo dalla luna” di Rocco Hunt e Ana Mena (2 Dischi di Platino). Per il singolo «Roma-Bangkok» di Baby K. e Giusy Ferreri ha ottenuto il Disco di Diamante.
Non da meno è Emanuele Dabbono che ha scritto, con e per Tiziano Ferro, hit come “Incanto”, “Il Conforto”, “Valore Assoluto”, “Lento/Veloce”, “Buona (cattiva) sorte”, ottenendo vari Dischi di Platino.
Tra i vincitori delle scorse edizioni, segnaliamo Simone Cremonini, che ha scritto per Emma, Marco Mengoni, Francesco Renga, Benji e Fede, Michele Merlo, Elodie e Marco Masini, e Maria Luisa De Prisco, che ha firmato “Il peso del coraggio” (il brano che Fiorella Mannoia ha presentato al Festival di Sanremo del 2019). Una menzione particolare per Willie Peyote, rapper e cantautore torinese, ormai considerato una delle figure di spicco della scena rap/cantautorale italiana. Sempre in ambito rap-hip hop, vanno citati anche Claver Gold, Dutch Nazari e Murubutu. 
Le iscrizioni a “Genova per Voi” si chiudono il 15 dicembre 2020.
La scheda di iscrizione e il regolamento sono sul sito di Genova per Voi

EXPLORATOUR: GLI EVENTI DI OTTOBRE
i nuovi itinerari di Exploratour alla scoperta di Genova

Approfondimenti sul sito di Exploatour

OBEY AL DUCALE

Shepard Fairey, nome in codice Obey è a Palazzo Ducale fino a 1 novembre.
Palazzo Ducale presenta la mostra dedicata a uno degli street artist più noti degli ultimi decenni, Shepard Fairey, nome in codice OBEY. La sua fama mondiale è legata al manifesto Hope, il ritratto di Barak Obama stilizzato in quadricromia, divenuto una vera e propria icona durante la campagna elettorale per le presidenziali degli Stati Uniti nel 2008.
Il percorso espositivo si propone come un viaggio visivo che incrocia quattro punti salienti nella poetica dell’artista: DonnaAmbientePaceCultura, ricreando un’ideale passeggiata nella notte metropolitana.
Le opere in mostra sono parti organiche della stessa famiglia, una conversazione urbana tra messaggi militanti, visioni pacifiste, passioni solidali. Il lavoro di Obey stimola riflessioni sui temi umanitari, sui passaggi esistenziali, sulle utopie sociali, sui valori di giustizia al di sopra delle leggi.
Obey crea immagini urlanti, semplificate nella palette cromatica, facendo attenzione all’equilibrio di pesi tra testo e immagine. Obey traduce nel presente i vecchi stilemi della propaganda muralista.

Shepard Fairley - Hope
Shepard Fairley – Hope

Tra le opere in mostra alcune immagini iconiche, come Hope in cui Obey raffigurò nel 2008 il futuro Presidente degli Stati Uniti. In questo caso non si trattò di una committenza, ma di un sostegno spontaneo alla figura politica di Barak Obama. Lo stesso Obama apprezzò molto l’opera, tanto che una volta eletto decise di scrivere all’artista «Ho il privilegio di essere parte della tua opera d’arte e sono orgoglioso di avere il tuo sostegno».
Il ritratto Hope divenne talmente famoso da entrare a far parte della collezione permanente della National Gallery di Washington e fu giudicato dal critico d’arte del New Yorker, Peter Schjeldah, come «la più efficace illustrazione politica americana dai tempi dello Zio Sam».

LE SCULTURE DI DEREDIA ESPOSTE A GENOVA IN UN PERCORSO URBANO
Genova diventa lo scenario per le grandi sculture dell’artista costaricano Jiménez Deredia (Heredia, 1954), che arrederanno il paesaggio urbano della città a partire dal 16 settembre 2020, dalla Stazione Brignole al Porto Antico.
Saranno in tutto otto grandi opere, delle quali sette inedite, con le tipiche forme circolari e ovali ricorrenti nell’immaginario scultoreo dell’artista, che accompagneranno lo spettatore in un percorso fluido e armonico nel tessuto urbano della città.

Una delle opere di Deredia

Jiménez Deredia recupera la sfera come simbolo che risveglia valori ancestrali, allude alla trasformazione, è ombra che si converte in luce. La sfericità per Deredia non è pertanto un elemento statico; al contrario, indica un cammino, un processo, un viaggio: quello dell’uomo che inizia la comprensione del proprio essere e degli elementi che vivono dentro ciascuno di noi.
Per Deredia noi tutti siamo un soffio di vita che viaggia intorno a un sole ardente nell’immensità dello spazio. Siamo lo spirito che sa di aiutare con la propria esistenza a compiere il destino dell’universo. Siamo la coscienza cosmica di essere: polvere di stelle in trasmutazione.
Jiménez Deredia è uno degli artisti contemporanei più importanti dell’America Latina e dal 1976 vive in Liguria.
Il progetto espositivo “Deredia a Genova – La sfera tra i due mondi” è quindi il risultato di un legame profondo tra il maestro Deredia e il territorio ligure, che lo ha adottato più di quaranta anni fa.
Evolucion”, che sarà esposta in Piazza De Ferrari, è la più grande opera realizzata dall’artista, ed è stata esposta in precedenza una sola volta, a Città del Messico nel 2015.
Ecco l’elenco completo delle opere e il luogo dove saranno esposte dal 16 settembre al 30 novembre 2020:
PAREJA (Bronzo) – presso Stazione Brignole
EVOLUCION (Bronzo) – Piazza De Ferrari
ARRULLO (Bronzo) – Palazzo Ducale
CONTINUACION (Bronzo) – Piazza Matteotti
ENCANTO (Marmo) – Porto Antico
REFUGIO (Marmo) – Porto Antico
CREPUSCULO (Bronzo) – Porto Antico
IL VIAGGIO (Marmo) – Porto Antico
Presso ogni installazione lo spettatore avrà a disposizione una mappa dell’intero percorso, per poter facilmente spostarsi attraverso la città e ritrovare le diverse tappe di questo viaggio nell’opera dell’artista.

A CHIAVARI MERCATINO DEI SAPORI E DELLE TRADIZIONI

Chiavari - via Rivarola
Chiavari – via Rivarola

A Chiavari, ogni ultimo weekend del mese in Via Rivarola, nel cuore del centro storico, si tiene il Mercatino dei Sapori e delle Tradizioni è una mostra-mercato di prodotti tipici regionali, realizzato attraverso la partecipazione di produttori di diverse regioni italiane, ognuno dotato di un proprio banco e gazebo per la vendita e degustazione di tali prodotti.
Per informazioni: Tel 3299551556
Sito Internet: WEB

ALLA SCOPERTA DI GENOVA – UN GIORNO AL MUSEO DELLA LANTERNA
Un Giorno al Museo della Lanterna con Enrico Ottonello Lomellini di Tabarca.
Per questo documentario sulla Lanterna di Genova abbiamo un Ambasciatore di Genova nel Mondo, Enrico Lomellini, discendente della nobile famiglia genovese che da sempre si occupa della valorizzazione della sua città natale e ci ha proposto questa collaborazione.
La Lanterna di Genova è un faro, una luce per i marinai ma oggi anche un simbolo del cosiddetto “modello Genova” a livello di imprenditorialità virtuosa.
Per questa ragione Enrico Ottonello Lomellini, in qualità di Ambasciatore di Genova nel Mondo ha voluto sostenere con questo breve documentario, in collaborazione con Zenazone, il più antico monumento simbolo della nostra città: la Lanterna di Genova.

TOP GEAR. IN VAL D’ORBA SI RESTAURANO AUTO D’EPOCA
Top Gear in salsa ligure, esattamente a Tiglieto, nella Val d’Orba. Ve lo sareste mai aspettato?
Nel Garage di Ermanno Africano rivedono la luce dei ferri vecchi abbandonati da decenni che tornano ad essere meravigliose e imponenti auto d’epoca.
In questa puntata pilota del format prodotto da Zenazone.it con il videomaker Davide Romanini nel garage di Ermanno Africano, a Tiglieto in Liguria, vediamo un esemplare unico di auto su meccanica Fiat 1100 del 1948.
Il carrozziere è ignoto ed Ermanno sta cercando di risalire alla paternità della linea per la quale ci sono pochi indizi, mentre qualcosa, come vedremo sul finire della puntata, è stato trovato riguardo il sellaio che ha lavorato sull’auto settanta anni fa.

LA GITA – MINIERA DI MASSO 
Nell’immediato entroterra di Chiavari un luogo da scoprire, sicuramente anche per tanti Liguri. Sono usciti sia il trailer sia il documentario completo al polo museale archeo-minerario. Vi consigliamo davvero di prenotare una visita perché la visita è davvero inaspettata e affascinante, guardate i due video per saperne di più.

A PROPOSITO, CONOSCI DAVVERO GENOVA?
Se conosci davvero bene Genova coi suoi segreti, le curiosità e la sua storia è giunto il momento di dimostrarlo con CityGame.
Di seguito il link per partecipare col codice sconto di ZenaZone.it
https://www.citygame.tours/tour/segreti_di_genova/code-zz
Se volete farvi un’idea di come funziona CityGame ecco il video che abbiamo fatto appena è uscito il primo itinerario.

12 OTTOBRE 2020: ESCE EVIL, IL DISCO DEL CHITARRISTA ANDREA MADDALONE
Il 12 ottobre 2020 esce il nuovo disco di Andrea Maddalone, intitolato Evil, “cattivo”. Sentiamo le sue parole nell’intervista di Michela Resi in occasione di questa uscita.
Andrea Maddalone è uno dei più talentuosi chitarristi italiani e anche se non è nato a Genova è ormai genovese d’adozione essendosi trasferito nel capoluogo ligure da oltre trent’anni.
Le collaborazioni musicali di Andrea Maddalone spaziano con alcuni dei più importanti cantanti e musicisti, parliamo di Eros Ramazzotti, Anna Oxa, Claudio Baglioni, Gino Paoli, i New Trolls, Shel Shapiro e molti altri.
–> VAI ALL’INTERVISTA

NOCHE PROHIBIDA: IL POP URBANO DEL GENOVESE STEFANO SUPERA IL MILIONE DI ASCOLTI SU SPOTIFY
Stefano, da molti conosciuto come Stefano D, è il cantautore Genovese che spopola in sudamerica col pop urbano della sua Noche Prohibida, che ha raggiunto il milione di ascolti su Spotify.
Viaggia forte anche il video di Stefano, girato a Cuba, che ha superato in pochi giorni le 30.000 visualizzazioni.
Stefano ha iniziato con un repertorio di Renato Zero che lo ha fatto conoscere soprattutto a Genova e in Liguria per poi trasformarsi, è proprio il caso di dirlo essendo nato come trasformista, per poi sbarcare nel panorama internazionale con il suo pop urbano.
Nel video l’intervista a Stefano a cura di Michela Resi.

NESSUN COMMENTO

RISPONDI