Eventi a Genova e in Liguria – mercoledì 7 giugno 2017

war games

Buon compleanno, Giardini Luzzati: a giugno un mese di eventi
Giardini LuzzatiMercoledì 7 giugno, dalle ore 16.00 alle ore 18.00 la festa della Scuola Garaventa Gallo Baliano, alle ore 17 il laboratorio per bambini di Quelli che la raccontano, dal titolo Il trucco per la festa e un ballo da giocare. Nel corso della festa è prevista anche l’esibizione della Piccola Orchestra Don Gallo, a cura di Echo Art. Alle 18.30 Due anni di piazza Rostagno, in collaborazione con L’Archivio dei movimenti: il racconto di Macondo, di cui fu principale promotore Mauro Rostagno attraverso testimonianze di varie generazioni, su ispirazione di letture e filmati. Alle ore 21 va in scena il concerto di musica Folk con Reddy Fly + Fat Buffalo.

Salvi in Museo! Dai Palazzi assiri alle recenti distruzioni. L’esposizione al Museo di Archeologia Ligure fino al 18 giugno
salvi in museoIn Iraq le ultime drammatiche distruzioni dei palazzi a Nimrud e Khorsabad, divenute famose sul web, attentano all’identità storica e culturale di interi popoli. Le spoliazioni ottocentesche avvenute nelle residenze reali assire hanno disperso nei musei d’Europa importantissimi reperti di questa civiltà, fra cui in gran numero i bassorilievi che ornavano i palazzi. Decine di questi bassorilievi e lastre iscritte sono conservati oggi nei musei di città italiane come Roma, Firenze, Torino, Venezia. Per vicende che ora ci appaiono fortunate, alcune lastre con rilievi provenienti proprio dai palazzi assiri, sono entrate a far parte anche delle raccolte civiche genovesi e sono conservate al Museo di Archeologia Ligure. Esse costituiscono un’occasione purtroppo ormai eccezionale per conoscere la civiltà degli assiri e ci fanno riflettere su spoliazioni e distruzioni che nel corso dei millenni si sono spesso verificate.

Waiting in the wings: a Villa Croce l’installazione site-specific di Claudia Wieser fino al 18 giugno
waiting in the wingsVilla Croce presenta Waiting in the Wings, la prima installazione site-specific di Claudia Wieser in un museo pubblico italiano, realizzata in collaborazione con il Goethe-Institut Genua. Claudia Wieser si è affermata sulla scena internazionale attraverso un linguaggio stilistico personale capace di fondere ispirazioni tratte dal mondo dell’arte, del design e dell’architettura. Questa giovane artista tedesca ha elaborato una poetica contemporaneamente ispirata a un indefinito passato cinematografico velato di suggestioni futuriste e mistiche, evocative della classicità e del mondo sumero-babilonese.

NiNiNFestival di Bogliasco: al via i bandi di concorso per bambini e ragazzi. La deadline è fissata al 20 giugno 
nininfestivalDopo un anno di pausa, in cui si era svolta solo un’edizione online su Facebook, torna a Bogliasco il NiNiNFestival, la manifestazione a misura di bambini e ragazzi con concorsi, spettacoli,  laboratori, giochi, incontri, conferenze e la Fiera dei Servizi al Bambino. Si apre il bando di partecipazione ai concorsi e si invitano tutti gli insegnanti, gli educatori e i genitori a stimolare i loro bambini e ragazzi a prenderne parte. Il tema portante della nuova edizione sarà “La Giustizia”.

War Games, Diego Perrone: la mostra site-specific a Villa del Principe fino al 23 giugno
war gamesGli Amixi di Villa Croce Museo d’Arte Contemporanea di Genova sono felici di presentare War Games, un’opera site-specific di Diego Perrone realizzata in occasione della prima edizione del progetto Davanti al Mare, un progetto sperimentale degli Amixi di Villa Croce, concepito e diretto da Vittorio Dapelo: un formato aperto in cui un artista italiano – in collaborazione con un curatore e un editore da lui scelti – è invitato a esplorare il territorio genovese per un tempo esteso per poi produrre un’opera e un artist book utilizzando come materiali ispirativi il museo e le sue atmosfere, l’architettura della città e il suo paesaggio.

Dinsoauri: al Museo di Storia Naturale G. Doria la mostra fino al 25 giugno
dinosauriSi tratta di una mostra con le riproduzioni a grandezza naturale delle straordinarie creature che dominarono la terra milioni di anni fa. Dinosauri permetterà al pubblico di fare un salto nel tempo per ammirare questi animali che abitarono il cielo, la terra e i mari del nostro pianeta; dal tema della fossilizzazione, con calchi di fossili, per poi immergersi in una foresta primordiale per ammirare le grandi riproduzioni: l’Ittiosauro simile a un delfino, il Carnotauro carnivoro con strutture simili a corna, il Deinosuco simile a un gigantesco coccodrillo, l’Amargasauro erbivoro, l’Albertosauro e il Tirranosauro grandi predatori.
Orario delle visite: da martedì a domenica, dalle ore 10:00 alle 18:00.
Bigliettiingresso intero € 6,00, ingresso ridotto € 4,00 (visitatori di età compresa tra i 3 e i 14 anni, visitatori con età superiore ai 65 anni; persone disabili; componenti di gruppi superiori alle 15 unità), ingresso scolaresche € 3,00 a studente, visita guidata per le scolaresche € 6,00 a studente (ingresso incluso) – (con laboratorio € 60,00 per la classe), visita guidata per i gruppi superiori alle 15 unità € 8,00 a persona (ingresso incluso). Gratis per: bambini da 0 a 3 anni, insegnanti accompagnatori di scolaresche in visita, accompagnatori di persone disabili, soci della Società degli Amici del Museo Doria. I possessori del biglietto della mostra “Dinosauri” potranno visitare il Museo pagando il biglietto ridotto per il periodo 23 novembre 2016-30 luglio 2017.

Scagni & Vapori. Gli armatori si raccontano. Al Galata Museo del Mare fino al 30 giugno
NaveDal 3 marzo un nuovo allestimento al terzo piano del Museo dedicato alla storia di Genova e del suo porto attraverso i suoi protagonisti: gli Armatori. Il progetto nasce da una stretta collaborazione tra l’Istituzione Mu.MA e l’Associazione Promotori. La Sala degli Armatori coniuga innovazione, multimedialità, interattività, e scenografia con le storie della marineria e con le straordinarie vicende economiche ed umane delle famiglie di armatori. Per info: 010 2345655

“La Grande Peste, Genova 1656-1657”: la mostra al Museo dei Cappuccini fino al 2 luglio
La Grande PesteDa sabato 1 aprile a domenica 2 luglio, il Museo dei Beni Culturali Cappuccini di Genova ospiterà la mostra La Grande Peste, Genova 1656-1657. La mostra è un invito ai nostri visitatori a prendere in mano questa tragica storia. È un tema forte, quello della peste, che ha ispirato alla grande letteratura – da Tucidide a Teocrito, da Boccaccio a Manzoni, da Defoe a Camus – pagine di rara potenza drammatica. È un tema tragico che celebri pittori come Tiziano, Tintoretto, Poussin, Cerano, Tiepolo, Gros, Mignard, o i nostri liguri del ‘600: Fiasella e Carlone, hanno rappresentato con scene impressionanti.

“Marinaio gentiluomo: Enrico Alberto d’Albertis, un moderno viaggiatore d’altri tempi” fino al 1 ottobre
marinaio gentiluomoLa vita quotidiana del viaggiatore ottocentesco attraverso gli scatti di E.A. d’Albertis, uno dei cento soci fondatori  del Regio Yacht Club, che ha coltivato tutta vita la passione per il mare e vi ha costruito intorno un castello, già di per sé monumento al mare ed al suo rapporto con Genova. La biblioteca e l’archivio svelano volumi e documenti che testimoniano di una lunga vita vissuta onorando il mare, dall’Introduzione all’Arte Nautica di Girolamo Albrizzi del 1715 alla lettera di invito del New York Yacht Club del 1893. Visite speciali tra torri, documenti e letture dalla biblioteca storica del Capitano d’Albertis, approfondiranno questo sguardo, e ci riporteranno al presente attraverso le performance di Federica Loredan,  per dar voce a chi oggi resta “incagliato”, in traversate esistenziali di portata epocale.
Orari: martedì – mercoledì – giovedì e venerdì:  10-18; sabato e domenica:  10-19 (ultimo ingresso ore 18); lunedì chiuso.
Costo: Intero € 6,00; Ridotto (ragazzi 5-12 anni – >65 anni – convenzionati) € 4,50; Gratuito bambini 0-4 anni; ingresso € 3 per i possessori del biglietto della mostra di Palazzo Reale.

Italiano anch’io. L’immigrazione dell’Italia che cambia al Galata Museo del Mare
downloadNuovo allestimento permanente interno alla sezione MEM (Memoria e Migrazioni) del Museo Galata. Dalla famiglia alla gastronomia, dal lavoro alla scuola: per capire un fenomeno di portata globale e scoprire storie e culture dei nuovi italiani e genovesi, molti dei quali fuggiti da guerre e violenze  in una parte di mondo investito  dalle conseguenze delle cosiddette “primavere arabe” iniziate nel 2011. Orario: tutti i giorni dalle ore 10.00 alle 19.30 (ultimo ingresso ore 18.30).

Nuova sala dei minerali al Museo di Storia Naturale G. Doria
mineraliHa sede permanente la Nuova sala dei minerali, completamente ristrutturata nei contenuti scientifici e nel progetto di allestimento: le vetrine riadattate per una migliore visione dei campioni, il sistema illuminante sostituito con soluzioni moderne e a risparmio energetico e, per la parte didattica è stato adottato un nuovo sistema di pannellistica che permette la fruizione di  percorsi didattici all’interno dell’esposizione. Al visitatore saranno quindi offerti nuovi punti di osservazione sull’affascinante mondo dei minerali, alla scoperta delle loro caratteristiche fisiche e chimiche; sono circa 500 i campioni esposti, arrivati da tutto il mondo, con esemplari di particolare pregio e rarità provenienti dalla  Sardegna. Orario: da martedì a domenica  10.00-18.00, lunedì chiuso.

Alberto Issel tra pittura e “arti industriali” – Dipinti inediti per Genova (1870-1916) ai Musei di Nervi – GAM, Museo dell’Accademia Ligustica di Belle Arti,
Castello D’Albertis
IsselPittore,  designer e imprenditore:  articolata in tre sedi espositive,  la mostra raccoglie una parte significativa della collezione di Issel, delineando la parabola artistica di un genovese poliedrico e innovativo  a poco più di un anno dalla chiusura  dello storico negozio che portava il suo nome, nell’ottocentesca  via Roma.

Mecenati di ieri e di oggi a Palazzo Rosso
mecenatiCon la mostra, resa possibile dal finanziamento dello Studio Legale Rubini di Milano, tornano in esposizione un nucleo di dipinti della donazione Brignole-Sale De Ferrari che, in alcuni casi, non erano visibili al pubblico da oltre settanta anni. Orario: martedì, mercoledì e giovedì 9.00/ 19.00; venerdì 9.00/19.00 – (9.00/21.00  il 1° e 4° venerdì del mese); sabato e domenica 10.00/ 19.30; lunedì aperto per croceristi.

NESSUN COMMENTO