Eventi a Genova e in Liguria – martedì 14 febbraio 2017

Innamorati a Castello D’Albertis
In occasione di questo giorno speciale, in cui si festeggia l’Amore, quale migliore location se non uno splendido castello affacciato sulla città ed il porto?
Il tour che si diramerà attraverso le spettacolari e curiose sale del Capitano D’Albertis sarà allietata da momenti di gioco, per ridere e scherzare con la persona del cuore.
Sono previsti tre orari di visita, con partenza ogni mezz’ora, dalle 18.30.
Seguirà un aperitivo.
Al termine della serata le coppie verranno omaggiate di un piccolo cadeau in ricordo della romantica atmosfera.
Il costo dell’iniziativa è di 20 euro a persona.

“San Valentino tra Dolci e Tradizione” in Piazza Sarzano
Martedì 14 febbraio alle ore 17.00 nell’Aula San Salvatore in piazza Sarzano, dall’uscita della metropolitana, A Compagna nell’ambito delle conferenze I Martedì de A Compagna, che l’antico sodalizio cura da oltre quarant’anni, promuove il XVII appuntamento del ciclo 2016-2017: Alessandro Cavo: “San Valentino tra dolci e tradizione”.
INGRESSO LIBERO
Nel 496 papa Gelasio I dedicò il 14 febbraio al santo e martire Valentino, presumibilmente anche con lo scopo di cristianizzare la precedente festività romana delle lupercalia. Sebbene la figura di san Valentino sia nota anche per il messaggio di amore portato da questo santo, l’associazione specifica con l’amore romantico e gli innamorati è quasi certamente posteriore, e risale probabilmente al Basso Medioevo. La pratica moderna di celebrazione della festa è centrata sullo scambio di messaggi d’amore e regali fra innamorati. Tra i regali spiccano ovviamente le cose dolci, spesso forgiate a forma di cuore.
Di questi aspetti legati alla tradizione e all’attuale pratica di scambio di doni e di dolci ce ne parlerà Alessandro Cavo, quinta generazione di imprenditori nel ramo dolciario, che, con ammirabile intuito, ha riaperto la Pasticceria Liquoreria Marescotti, locale storico nel cuore della Città Vecchia. Ha ricoperto e ricopre importanti cariche in Fepag, in Ascom e in Camera di Commercio, per citarne solo alcune.
Info: http://www.acompagna.org/rf/mar/index.htm
Per le rassegne fotografiche segui il linkhttp://www.acompagna.org/rf/index.htm

“La Digital Art segreta di Andy Warhol” a Villa Croce fino al 26 febbraio
warholUn percorso alla scoperta degli aspetti meno conosciuti del lavoro di Warhol: nove opere digitali eseguite con uno dei primi personal computer, l’Amiga 1000, che saranno visualizzate su due PC dell’epoca, affiancate alle opere più celebri e immediatamente rappresentative dell’artista, per ripercorrere gli ultimi anni di vita e lavoro dell’artista. Completano l’esposizione le rielaborazioni dei lavori digitali di Warhol, opera del fotografo, stampatore e artista Giuliano Grittini. Questa mostra – che apre in concomitanza a “Warhol. Pop Society” la grande retrospettiva dedicata a Warhol e curata da Luca Beatrice, in esposizione a Palazzo Ducale da ottobre a febbraio 2017 per celebrare i 30 anni dalla scomparsa dell’artista – rende conto anche della capacità di interpretare (ed anticipare) i cambiamenti sociali e tecnologici “ponendosi delle domande e senza fermarsi agli schemi” (sempre con le parole di Pasolini) dimostrata da Warhol. Orari: Giovedì e Venerdì 12.00-19.00; Sabato e Domenica 10.00 – 20.00. Info: museo@villacroce.org, 010.580069.

Enrico Protti protagonista delle Vetrine d’Artista a Savona fino al 2 marzo
Inverno a Cà de FerrèDa 2 febbraio al 2 marzo, l’iniziativa Vetrine d’Artista, che si tiene a Savona presso la sede di Banca Carige – ex Carisa (corso Italia), vedrà come protagonista Enrico Protti con l’esposizione di alcune delle sue opere più significative. La mostra è curata dalla Dr.a Silvia  Bottaro, presidente dell’Associazione “Aiolfi” no profit e critico d’arte. La natura è il cuore delle storie narrate da Enrico Protti con una tavolozza assai ricca, silente, personale e tecnicamente ineccepibile. Nelle opere pare che l’artista cerchi quel granello di felicità, che tutti abbiamo dal momento della propria nascita, e che, costantemente, cerchiamo.

Edo Timeless al Museo d’Arte Orientale E. Chiossone fino al 19 marzo
Edo Timeless40 fotografie scattate da Mino Di Vita nel Giappone d’oggi a confronto con 20 riproduzioni di foto all’albumina in bianco e nero, colorate manualmente ad acquerello, di Kusakabe Kinbei risalenti agli ultimi anni del periodo Edo e ai primi del periodo Meiji. Tra reminescenze di stampe Ukiyo-e, quando Tokyo si chiamava ancora Edo, un reportage sulle moderne metropoli nipponiche che, nonostante i cambiamenti, ospitano ancora antiche costruzioni, utilizzate come abitazioni o esercizi commerciali e vetusti templi buddhisti assediati  da condomini e avveniristiche torri di cristallo. Orario: da martedì a venerdì 9-19, sabato e domenica 10-19.30, lunedì chiuso.

Il Settecento nelle Collezioni Tessili dei Musei di Strada Nuova. Abiti e stoffe per nobili dimore: la mostra a Palazzo Bianco fino al 30 aprile
tessiliL’esposizione prende spunto dalla precedente mostra dedicata al pittore genovese Alessandro Magnasco, protagonista del Settecento europeo, presentando negli spazi espositivi riservati alle Collezioni Tessili un itinerario attraverso i tessuti e la moda del XVIII secolo. Ma è grazie all’opera dei volontari del Servizio Civile che per la prima volta viene offerta al pubblico la possibilità di accedere ai contenuti della mostra e di approfondire i temi di maggior interesse tramite l’inserimento, nel percorso di visita, delle didascalie interattive (QR – Code). Sarà così possibile, utilizzando il proprio smartphone, avere informazioni più dettagliate sui singoli pezzi esposti, di visionarne i particolari più curiosi, di ricostruirne il contesto originario e persino di confrontarli con altre opere. Orari: 11 ottobre – fine marzo: martedì/venerdì: 09.00/18.30; sabato/domenica: 09.30/18.30. Dal 1° aprile: martedì/venerdì: 09.00/19.00; sabato/domenica: 10.00/19.30. Lunedì chiuso. Info: 010.2759185.

Andrea Doria la nave più bella del mondo: al Galata Museo del mare fino al 30 maggio
La mostra, basandosi sulle analisi di esperti americani, su documenti e testimonianze,  affronta a 360° la storia di questa nave bellissima e sfortunata. Questa esposizione temporanea, vuole essere una “Doria experience“: attraverso ricostruzioni di ambienti della nave, tra cui la prora in scala 1:5 e una parte di ponte di passeggiata inclinato a 30°, i visitatori sono invitati a ripercorrere i piani come i passeggeri e l’equipaggio dovettero fare per scampare alla tragedia. Il modello di sei metri del Doria è il gioiello dell’esposizione.
Prezzi: Mostra inclusa nel biglietto d’ingresso. Orari: dal martedì al venerdì 10:00–18:00 (ultimo ingresso ore 17:00); sabato, domenica e festivi 10:00-19:30 (ultimo ingresso ore 18:30). Lunedì chiuso.

Al Museo di Archeologia Ligure la mostra “I segni delle Meraviglie”: Disegni e figure da grotte e montagne della Liguria fino al 31 marzo
SegniLa preistoria della Liguria trova una delle sue manifestazioni più evidenti e spettacolari nei segni, grafici, plastici e figurativi, che le popolazioni della nostra regione ci hanno lasciato all’interno delle numerose testimonianze archeologiche giunte fino a noi. Nel Museo di Archeologia Ligure, la più ampia e completa rassegna della preistoria ligure, è possibile scoprire lungo l’arco di oltre 20.000 anni i principali segni impressi dall’uomo su argilla, rocce, osso, metalli e altri materiali, dalla straordinaria sepoltura del Principe della Caverna delle Arene Candide alle incisioni sulle rocce levigate dai ghiacciai della Valle delle Meraviglie (IM). Queste manifestazioni hanno un’espressione straordinaria in due complessi figurativo-sacrali realizzati in Liguria fra il III e il II millennio a.C. da oriente ad occidente: le statue stele della Lunigiana e le incisioni rupestri del Monte Bego. Partiamo alla scoperta dei significati dei segni preistorici, sperimentando noi stessi materie prime, supporti e tecniche di realizzazione.
Orari: dal martedì al venerdì 9-18.30; sabato e domenica 9.30-18.30; lunedì chiuso.
Info: 010.698104

L’universo artistico di Oscar Saccorotti. Dipinti, incisioni, arti decorative fino al 4 giugno
saccorottiLa mostra, che si tiene alla Wolfsoniana, realizzata in occasione del trentennale della morte di Oscar Saccorotti, grazie alla collaborazione dell’Archivio Saccorotti e arricchita dalle opere donate dagli eredi al Comune di Genova, intende documentare i differenti campi di intervento della sua complessiva ricerca, mettendo in evidenza la sua diversificata produzione nell’ambito delle arti decorative. Orari: fino al 31.03.2017 martedì-domenica ore 11.00-17.00; lunedì chiuso. Dal 01.04.2017 martedì-venerdì ore 11.00-18.00; sabato e domenica ore 12.00-19.00; lunedì chiuso. Info:010 3231329.

NiNiNFestival di Bogliasco: al via i bandi di concorso per bambini e ragazzi. La deadline è fissata al 20 giugno 
nininfestivalDopo un anno di pausa, in cui si era svolta solo un’edizione online su Facebook, torna a Bogliasco il NiNiNFestival, la manifestazione a misura di bambini e ragazzi con concorsi, spettacoli,  laboratori, giochi, incontri, conferenze e la Fiera dei Servizi al Bambino. Si apre il bando di partecipazione ai concorsi e si invitano tutti gli insegnanti, gli educatori e i genitori a stimolare i loro bambini e ragazzi a prenderne parte. Il tema portante della nuova edizione sarà “La Giustizia”.

Dinsoauri: al Museo di Storia Naturale G. Doria la mostra fino al 25 giugno
dinosauriSi tratta di una mostra con le riproduzioni a grandezza naturale delle straordinarie creature che dominarono la terra milioni di anni fa. Dinosauri permetterà al pubblico di fare un salto nel tempo per ammirare questi animali che abitarono il cielo, la terra e i mari del nostro pianeta; dal tema della fossilizzazione, con calchi di fossili, per poi immergersi in una foresta primordiale per ammirare le grandi riproduzioni: l’Ittiosauro simile a un delfino, il Carnotauro carnivoro con strutture simili a corna, il Deinosuco simile a un gigantesco coccodrillo, l’Amargasauro erbivoro, l’Albertosauro e il Tirranosauro grandi predatori.
Orario delle visite: da martedì a domenica, dalle ore 10:00 alle 18:00.
Bigliettiingresso intero € 6,00, ingresso ridotto € 4,00 (visitatori di età compresa tra i 3 e i 14 anni, visitatori con età superiore ai 65 anni; persone disabili; componenti di gruppi superiori alle 15 unità), ingresso scolaresche € 3,00 a studente, visita guidata per le scolaresche € 6,00 a studente (ingresso incluso) – (con laboratorio € 60,00 per la classe), visita guidata per i gruppi superiori alle 15 unità € 8,00 a persona (ingresso incluso). Gratis per: bambini da 0 a 3 anni, insegnanti accompagnatori di scolaresche in visita, accompagnatori di persone disabili, soci della Società degli Amici del Museo Doria. I possessori del biglietto della mostra “Dinosauri” potranno visitare il Museo pagando il biglietto ridotto per il periodo 23 novembre 2016-30 luglio 2017.

Italiano anch’io. L’immigrazione dell’Italia che cambia al Galata Museo del Mare
downloadNuovo allestimento permanente interno alla sezione MEM (Memoria e Migrazioni) del Museo Galata. Dalla famiglia alla gastronomia, dal lavoro alla scuola: per capire un fenomeno di portata globale e scoprire storie e culture dei nuovi italiani e genovesi, molti dei quali fuggiti da guerre e violenze  in una parte di mondo investito  dalle conseguenze delle cosiddette “primavere arabe” iniziate nel 2011. Orario: tutti i giorni dalle ore 10.00 alle 19.30 (ultimo ingresso ore 18.30).

Nuova sala dei minerali al Museo di Storia Naturale G. Doria
mineraliHa sede permanente la Nuova sala dei minerali, completamente ristrutturata nei contenuti scientifici e nel progetto di allestimento: le vetrine riadattate per una migliore visione dei campioni, il sistema illuminante sostituito con soluzioni moderne e a risparmio energetico e, per la parte didattica è stato adottato un nuovo sistema di pannellistica che permette la fruizione di  percorsi didattici all’interno dell’esposizione. Al visitatore saranno quindi offerti nuovi punti di osservazione sull’affascinante mondo dei minerali, alla scoperta delle loro caratteristiche fisiche e chimiche; sono circa 500 i campioni esposti, arrivati da tutto il mondo, con esemplari di particolare pregio e rarità provenienti dalla  Sardegna. Orario: da martedì a domenica  10.00-18.00, lunedì chiuso.

Alberto Issel tra pittura e “arti industriali” – Dipinti inediti per Genova (1870-1916) ai Musei di Nervi – GAM, Museo dell’Accademia Ligustica di Belle Arti,
Castello D’Albertis
IsselPittore,  designer e imprenditore:  articolata in tre sedi espositive,  la mostra raccoglie una parte significativa della collezione di Issel, delineando la parabola artistica di un genovese poliedrico e innovativo  a poco più di un anno dalla chiusura  dello storico negozio che portava il suo nome, nell’ottocentesca  via Roma.

Mecenati di ieri e di oggi a Palazzo Rosso
mecenatiCon la mostra, resa possibile dal finanziamento dello Studio Legale Rubini di Milano, tornano in esposizione un nucleo di dipinti della donazione Brignole-Sale De Ferrari che, in alcuni casi, non erano visibili al pubblico da oltre settanta anni. Orario: martedì, mercoledì e giovedì 9.00/ 19.00; venerdì 9.00/19.00 – (9.00/21.00  il 1° e 4° venerdì del mese); sabato e domenica 10.00/ 19.30; lunedì aperto per croceristi.

CONDIVIDI
Articolo precedenteEventi a Genova e in Liguria – lunedì 13 febbraio 2017
Prossimo articoloAi Martedì de A Compagna l’incontro sul tema “Guardando Genova che cambia musica”
Roberta Saettone
Cresciuta di pari passo con il web, ho sviluppato una grande passione per la comunicazione digitale applicandola ai new media, passando dal giornalismo al copywriting con una forte impronta social. Dopo la collaborazione con alcune redazioni, TeleGenova e una web agency torinese, adesso mi occupo dello sviluppo dei contenuti per ZenaZone integrati al web marketing. Viaggiatrice incallita e curiosa osservatrice, mi piace esplorare ciò che mi circonda senza porre limiti ai miei interessi.

NESSUN COMMENTO