Michela Resi
Michela Resi

Primo aggiornamento di ottobre 2020 per il nostro ZenaWeek, è iniziato l’autunno e in questi primi giorni il meteo sembra essersi adeguato alla nuova stagione. Ci sono però diversi nuovi eventi per cui è necessario un aggiornamento video e alcune mostre interessanti anche in caso di pioggia.

Se volete segnalare un evento potete utilizzare la mail info@zenazone.it – ricordatevi di inviarci il materiale con un certo anticipo in modo che possiamo inserirlo nel primo aggiornamento utile.

ROLLY DAYS
Il 9, 10 e 11 Ottobre, Genova ospita i Rolli Days Live & Digital: un’inedita formula per scoprire le meravigliose dimore storiche nobiliari genovesi, Patrimonio UNESCO dal 2006,  che affianca alle visite dal vivo in totale sicurezza – esclusivamente su prenotazione – un ricco palinsesto di visite virtuali e di video a cura  di uno staff di divulgatori qualificati.
Ritornare all’interno dei Palazzi dei Rolli è un passo importante.
Capire la dimensione internazionale di Genova tra Cinque e Seicento, tra politica, economia, arte e cultura è una vera e propria esperienza immersiva all’interno di una realtà che fa parte del passato, ma si proietta – allo stesso tempo – nel presente e sul futuro.
Gli straordinari palazzi che affacciano sul grande asse che parte da piazza della Meridiana, attraversa via Garibaldi – la “Strada Nuova delle Palazzi” – e raggiunge l’anfiteatro di piazza Fontane Marose sono il percorso ideale per incontrare le eccellenze del Rinascimento e del Barocco italiano e genovese, a livello pittorico e architettonico.
Allo stesso tempo evocano le scelte e gli azzardi degli Spinola, dei Doria, dei Grimaldi, dei Pallavicini e dei Negrone che seppero dominare con una incredibile sagacia e una rara visione “globale” ante litteram i mercati e la finanza mondiale per più di cent’anni.
Tutte le Informazioni sul Sito Ufficiale
Il nostro video con Erika Mariniello

SESSANTESIMO SALONE NAUTICO
Il Salone Nautico di Genova torna dal 1 al 6 ottobre per la sua sessantesima edizione.
Il Salone Nautico più grande del mediterraneo è l’appuntamento più rappresentativo dell’eccellenza del made in Italy e accoglie ogni anno gli operatori del settore e gli appassionati del mare con oltre 200 mila metri quadrati tra terra e acqua a disposizione.
Cinque aree per altrettante passioni: Yacht & Superyacht, Sailing World, Boating Discovery, Tech Trade, e Living the Sea.

 

 

 

 

MILLEVELE 2020
La 33ma edizione della Millevele prenderà il via alle ore 11 di sabato 3 ottobre nello specchio acqueo antistante il Lido d’Albaro e gli arrivi previsti con parata finale sul lungomare da Boccadasse alla Foce. Uno spettacolo di centinaia di barche sempre affascinante per partecipanti in mare e spettatori a terra.

THE ELEPHANT MAN RESTAURATO AL SIVORI

The Elephant Man
The Elephant Man

The Elephant Man è un capolavoro che compie 40 anni interpretato da Anthony Hopkins, John Hurt, Anne Bancroft, John Gielgud.
Proposto in lingua originale con i sottotitoli in italiano, racconta la storia di John Merrick (Hurt), l’uomo elefante, il freak della Londra vittoriana proto-industriale.
È un film epocale, che ha mostrato come veniva trattata la disabilità in epoca vittoriana e cambiato le regole dell’horror, invertendo le dinamiche nel rapporto tra lo spettatore e il mostro, quindi nella definizione di normalità.
Londra, 1884. John Merrick è un’attrazione da circo, che si esibisce sotto il nome di “The Elephant Man” ai servizi del meschino Mr. Bytes: la terribile forma di neurofibromatosi che gli ha deformato il volto lo rende infatti ripugnante alla vista. Un giorno l’ambizioso dottor Frederick Treves assiste allo spettacolo di Bytes e interviene per trasferire John in ospedale ed esporre a un consesso di medici la particolare forma di malattia che lo colpisce.
Quando scopre che Merrick non solo è in grado di leggere, ma è un uomo colto, gentile e raffinato, lo trasforma gradualmente in un protagonista della buona società della Londra vittoriana.
(Salita Santa Caterina 12, tel. 010 5532054)
Lunedì 5 ottobre ore 21.00
Giovedì 8 ottobre ore 18.45

LA FESTA DEI MONDI
Torna la Festa dei Mondi al Porto Antico di Genova, l’evento dedicato all’integrazione dei popoli e delle culture da lunedì 5 a mercoledì 7 ottobre.
Sarà un’edizione speciale, un’anteprima della grande Festa che si terrà la prossima primavera: location di queste 3 giornate sarà Eataly Genova, che ospiterà una serie di workshop gastronomici per condurre i partecipanti in un giro del mondo culinario, attraverso i diversi piatti e sapori.
Si inizia lunedì 5 ottobre con uno show cooking tenuto dall’Agenzia Consolare USA, “The Unknown Legends of American Cuisine – Introduzione alla cucina statunitense” Sarà un viaggio nella cucina del Sud degli Stati Uniti in compagnia di Lesleigh Rizzi e Anna Maria Saiano di “American International Women’s Club of Genoa” e Desiree Steuerwald, titolare di Taqueria Mamacita’s. Tutto il ricavato sarà devoluto all’Heart Pillow Project, che l’AIWC Genoa – ONLUS porta avanti da ben 11 anni, confezionando in maniera artigianale dei cuscini a forma di cuore come sostegno post-chirurgico in seguito a interventi al seno, donati alla Clinica di Chirurgia Senologica del Policlinico San Martino di Genova (prezzo al pubblico € 20).
Martedì 6 ottobre si conoscerà la cucina del continente africano, con la lezione “Assaggio d’Africa”. Assieme alle docenti dell’Associazione Semiforesti. Andremo alla scoperta di alcune ricette “street food”: platano fritto, brochettes de viande, pate e puff puff e bevanda al karkadé (prezzo al pubblico € 20)
Mercoledì 7 ottobre si torna in Europa in compagnia di Marilia Oliveira, chef del ristorante di tradizione portoghese “O Boteco” a Genova e vice campionessa del programma tv “Cuochi d’Italia – Campionato del Mondo edizione 2020”. Durante il workshop “Portogallo”, protagonista principale sarà il baccalà, ingrediente molto versatile e presente in numerosi piatti della tradizione. (prezzo al pubblico € 30)
Tutte le attività si svolgeranno nello Spazio didattico di Eataly Genova e saranno su prenotazione obbligatoria direttamente in negozio o su www.eataly.it
Il video della Festa dei Mondi nell’edizione di alcuni anni fa.

EXPLORATOUR: GLI EVENTI DI OTTOBRE
i nuovi itinerari di Exploratour alla scoperta di Genova

Approfondimenti sul sito di Exploatour

OBEY AL DUCALE

Shepard Fairey, nome in codice Obey è a Palazzo Ducale fino a 1 novembre.
Palazzo Ducale presenta la mostra dedicata a uno degli street artist più noti degli ultimi decenni, Shepard Fairey, nome in codice OBEY. La sua fama mondiale è legata al manifesto Hope, il ritratto di Barak Obama stilizzato in quadricromia, divenuto una vera e propria icona durante la campagna elettorale per le presidenziali degli Stati Uniti nel 2008.
Il percorso espositivo si propone come un viaggio visivo che incrocia quattro punti salienti nella poetica dell’artista: DonnaAmbientePaceCultura, ricreando un’ideale passeggiata nella notte metropolitana.
Le opere in mostra sono parti organiche della stessa famiglia, una conversazione urbana tra messaggi militanti, visioni pacifiste, passioni solidali. Il lavoro di Obey stimola riflessioni sui temi umanitari, sui passaggi esistenziali, sulle utopie sociali, sui valori di giustizia al di sopra delle leggi.
Obey crea immagini urlanti, semplificate nella palette cromatica, facendo attenzione all’equilibrio di pesi tra testo e immagine. Obey traduce nel presente i vecchi stilemi della propaganda muralista.

Shepard Fairley - Hope
Shepard Fairley – Hope

Tra le opere in mostra alcune immagini iconiche, come Hope in cui Obey raffigurò nel 2008 il futuro Presidente degli Stati Uniti. In questo caso non si trattò di una committenza, ma di un sostegno spontaneo alla figura politica di Barak Obama. Lo stesso Obama apprezzò molto l’opera, tanto che una volta eletto decise di scrivere all’artista «Ho il privilegio di essere parte della tua opera d’arte e sono orgoglioso di avere il tuo sostegno».
Il ritratto Hope divenne talmente famoso da entrare a far parte della collezione permanente della National Gallery di Washington e fu giudicato dal critico d’arte del New Yorker, Peter Schjeldah, come «la più efficace illustrazione politica americana dai tempi dello Zio Sam».

LE SCULTURE DI DEREDIA ESPOSTE A GENOVA IN UN PERCORSO URBANO
Genova diventa lo scenario per le grandi sculture dell’artista costaricano Jiménez Deredia (Heredia, 1954), che arrederanno il paesaggio urbano della città a partire dal 16 settembre 2020, dalla Stazione Brignole al Porto Antico.
Saranno in tutto otto grandi opere, delle quali sette inedite, con le tipiche forme circolari e ovali ricorrenti nell’immaginario scultoreo dell’artista, che accompagneranno lo spettatore in un percorso fluido e armonico nel tessuto urbano della città.

Una delle opere di Deredia

Jiménez Deredia recupera la sfera come simbolo che risveglia valori ancestrali, allude alla trasformazione, è ombra che si converte in luce. La sfericità per Deredia non è pertanto un elemento statico; al contrario, indica un cammino, un processo, un viaggio: quello dell’uomo che inizia la comprensione del proprio essere e degli elementi che vivono dentro ciascuno di noi.
Per Deredia noi tutti siamo un soffio di vita che viaggia intorno a un sole ardente nell’immensità dello spazio. Siamo lo spirito che sa di aiutare con la propria esistenza a compiere il destino dell’universo. Siamo la coscienza cosmica di essere: polvere di stelle in trasmutazione.
Jiménez Deredia è uno degli artisti contemporanei più importanti dell’America Latina e dal 1976 vive in Liguria.
Il progetto espositivo “Deredia a Genova – La sfera tra i due mondi” è quindi il risultato di un legame profondo tra il maestro Deredia e il territorio ligure, che lo ha adottato più di quaranta anni fa.
Evolucion”, che sarà esposta in Piazza De Ferrari, è la più grande opera realizzata dall’artista, ed è stata esposta in precedenza una sola volta, a Città del Messico nel 2015.
Ecco l’elenco completo delle opere e il luogo dove saranno esposte dal 16 settembre al 30 novembre 2020:
PAREJA (Bronzo) – presso Stazione Brignole
EVOLUCION (Bronzo) – Piazza De Ferrari
ARRULLO (Bronzo) – Palazzo Ducale
CONTINUACION (Bronzo) – Piazza Matteotti
ENCANTO (Marmo) – Porto Antico
REFUGIO (Marmo) – Porto Antico
CREPUSCULO (Bronzo) – Porto Antico
IL VIAGGIO (Marmo) – Porto Antico
Presso ogni installazione lo spettatore avrà a disposizione una mappa dell’intero percorso, per poter facilmente spostarsi attraverso la città e ritrovare le diverse tappe di questo viaggio nell’opera dell’artista.

A CHIAVARI MERCATINO DEI SAPORI E DELLE TRADIZIONI

Chiavari - via Rivarola
Chiavari – via Rivarola

A Chiavari, ogni ultimo weekend del mese in Via Rivarola, nel cuore del centro storico, si tiene il Mercatino dei Sapori e delle Tradizioni è una mostra-mercato di prodotti tipici regionali, realizzato attraverso la partecipazione di produttori di diverse regioni italiane, ognuno dotato di un proprio banco e gazebo per la vendita e degustazione di tali prodotti.
Per informazioni: Tel 3299551556
Sito Internet: WEB

ALLA SCOPERTA DI GENOVA – UN GIORNO AL MUSEO DELLA LANTERNA
Un Giorno al Museo della Lanterna con Enrico Ottonello Lomellini di Tabarca.
Per questo documentario sulla Lanterna di Genova abbiamo un Ambasciatore di Genova nel Mondo, Enrico Lomellini, discendente della nobile famiglia genovese che da sempre si occupa della valorizzazione della sua città natale e ci ha proposto questa collaborazione.
La Lanterna di Genova è un faro, una luce per i marinai ma oggi anche un simbolo del cosiddetto “modello Genova” a livello di imprenditorialità virtuosa.
Per questa ragione Enrico Ottonello Lomellini, in qualità di Ambasciatore di Genova nel Mondo ha voluto sostenere con questo breve documentario, in collaborazione con Zenazone, il più antico monumento simbolo della nostra città: la Lanterna di Genova.

TOP GEAR. IN VAL D’ORBA SI RESTAURANO AUTO D’EPOCA
Top Gear in salsa ligure, esattamente a Tiglieto, nella Val d’Orba. Ve lo sareste mai aspettato?
Nel Garage di Ermanno Africano rivedono la luce dei ferri vecchi abbandonati da decenni che tornano ad essere meravigliose e imponenti auto d’epoca.
In questa puntata pilota del format prodotto da Zenazone.it con il videomaker Davide Romanini nel garage di Ermanno Africano, a Tiglieto in Liguria, vediamo un esemplare unico di auto su meccanica Fiat 1100 del 1948.
Il carrozziere è ignoto ed Ermanno sta cercando di risalire alla paternità della linea per la quale ci sono pochi indizi, mentre qualcosa, come vedremo sul finire della puntata, è stato trovato riguardo il sellaio che ha lavorato sull’auto settanta anni fa.

LA GITA – MINIERA DI MASSO 
Nell’immediato entroterra di Chiavari un luogo da scoprire, sicuramente anche per tanti Liguri. Sono usciti sia il trailer sia il documentario completo al polo museale archeo-minerario. Vi consigliamo davvero di prenotare una visita perché la visita è davvero inaspettata e affascinante, guardate i due video per saperne di più.

A PROPOSITO, CONOSCI DAVVERO GENOVA?
Se conosci davvero bene Genova coi suoi segreti, le curiosità e la sua storia è giunto il momento di dimostrarlo con CityGame.
Di seguito il link per partecipare col codice sconto di ZenaZone.it
https://www.citygame.tours/tour/segreti_di_genova/code-zz
Se volete farvi un’idea di come funziona CityGame ecco il video che abbiamo fatto appena è uscito il primo itinerario.

LE LETTURE – ENIGMA VINTAGE DI PICCARDA MORGANTI

Enigma Vintage
Enigma Vintage

Giulia adora il suo lavoro anche se a 30 anni forse non lo si può considerare tale.
Compra e rivende oggetti vintage e la sua migliore amica non perde occasione per prenderla in giro.
Le giornate procedono tranquille fin quando un’anziana signora non le cede alcune vecchie bambole, all’interno di una delle quali Giulia trova un codice e una chiave.
Per la protagonista inizia una vera e propria avventura, fatta di enigmi ed indagini. Ad accompagnarla in questo viaggio pieno di intrighi sarà Stefano, un affascinante ragazzo che proverà a far pulsare di nuovo il suo cuore.
Nel libro c’è qualcosa di autobiografico, infatti l’autrice Piccarda è, come il suo personaggio Giulia, un’appassionata di oggetti vintage.
L’intervista di Michela Resi a Piccarda Morganti

CONDIVIDI
Articolo precedenteLa piscina che non c’era: non solo benessere ma anche complemento d’arredo e prodotto di design
Prossimo articoloTop Gear in salsa ligure: donne e motori
Michela Resi
Ho iniziato a cantare a 19 anni, sono stata una delle voci di "Non è la Rai" di Gianni Boncompagni, il mio soprannome era "Speedy" per la velocità nell'apprendere canzoni nuove. Successivamente sono stata corista di Marco Masini e Jenny B. Dopo aver girato l'Europa come cantante mi sono fermata a Bogliasco. Vivevo già a Genova quando ho partecipato a “We three plus friends”, l'ultimo disco di Bobby Durham, batterista di Frank Sinatra ed Ella Fitzgerald. Dal 2013 sono conduttrice di Zenazone, realizzo video e interviste in team con Davide con cui ho realizzato anche oltre 130 video itinerari turistici in tutta Italia col format Eats&Travels.

NESSUN COMMENTO

RISPONDI