Escursioni e visite guidate nel cuore del Parco di Portofino: il programma di febbraio

Escursioni Portofino

Le Escursioni e Visite Guidate nel Parco di Portofino vengono svolte tutto l’anno e tendenzialmente durante il weekend. Grazie ad un calendario sempre aggiornato, potrete scegliere con largo anticipo l’escursione che preferite. La prenotazione è sempre entro le ore 12.00 del giorno che precede l’escursione. Le visite sono garantite con un minimo di 9 persone e per ragioni di sicurezza viene imposto un limite massimo di partecipanti, diverso a seconda del grado di difficoltà dell’escursione.

Domenica 5 e 26 febbraio: Il Sentiero dei Tubi
Un’occasione per ripercorrere l’antico tracciato dell’acquedotto (fine ‘800) che riforniva d’acqua la cittadina di Camogli. I lavori per realizzare  l’Acquedotto delle Caselle furono progettati ed  eseguiti dalla Ditta F.lli Sandrini e Magherini di  Firenze e iniziarono il primo ottobre 1897.  L’inaugurazione avvenne l’8 ottobre 1899. Ampie  finestre panoramiche e l’immersione nel buio di  gallerie scavate nel conglomerato hanno concorso a  farne uno dei percorsi più spettacolari ed  emozionanti del Monte di Portofino. Il sentiero – la  cui percorrenza richiede una certa pratica e una  buona forma fisica – è accessibile solo se  accompagnati dalle guide del Parco di Portofino ed ha un tracciato altamente spettacolare e suggestivo tra tunnel, scalette e passaggi a strapiombo.

L’appuntamento è alle ore 9.00 davanti la Chiesa di San Rocco di Camogli
Fine dell’escursione alle ore 13.00 circa in località Caselle. Al termine i partecipanti possono scendere autonomamente a San Fruttuoso o rientrare a San Rocco.

Itinerario: San Rocco – Sentiero dei Tubi – Caselle
Difficoltà: escursione impegnativa
Attrezzatura consigliata: scarpe da trekking e torcia elettrica
Prenotazione obbligatoria entro  le 12.00 del giorno precedente al 3480182557 oppure al 3480182556 scrivendo una email a labter@parcoportofino.it
Costo: 10,00 euro a persona (l’escursione è garantita con un minimo di 9 partecipanti. Numero max iscritti: 15)

Domenica 12 febbraio: San Valentino al passo del Bacio
Per festeggiare la giornata di San Valentino, il Parco di Portofino organizza una passeggiata nello splendido scenario del Monte, lungo il sentiero che da San Rocco di Camogli, passando dalle Batterie, arriva al Passo del Bacio per poi proseguire sino a San Fruttuoso. Il Passo del Bacio, da percorrere con molta attenzione, è caratterizzato da uno strapiombo che si affaccia di lato al sentiero, tra rocce a picco sul mare, emozionante in tutta la sua selvaggia bellezza. I punti più difficoltosi del percorso sono attrezzati con catene che garantiscono la sicurezza di chi transita.
Come mai si chiama “Passo del Bacio”? La leggenda narra di un tenero, quanto avversato amore tra un ragazzo ed una ragazza. Piuttosto che separarsi per il volere dei parenti, i due giovani hanno preferito morire baciandosi un’ultima volta prima di lanciarsi insieme nel vuoto. Da quel giorno, questa versione locale di Romeo e Giulietta, ha dato il nome al luogo.

L’appuntamento è alle ore 9.00 davanti la Chiesa di San Rocco di Camogli.
Fine dell’escursione alle ore 12.00 circa a San Fruttuoso.
Al termine i partecipanti possono rientrare autonomamente a piedi o con battello di linea (per Camogli)

Itinerario: San Rocco – Batterie – Passo del Bacio – San Fruttuoso
Difficoltà: escursione impegnativa
Attrezzatura consigliata: scarpe da trekking
Prenotazione obbligatoria entro le 12.00 del sabato precedente al 3480182556 oppure al 348 0182557 o scrivendo una email a labter@parcoportofino.it
L’escursione è garantita con un minimo di 5 partecipanti
Massimo partecipanti: 15 persone
Quota di partecipazione: escursione GRATUITA

CONDIVIDI
Articolo precedenteRock the Kitchen: alla Birreria HB la sfida tra Beatles e Rolling Stones con una cena tematica
Prossimo articolo“Loano non solo mare”: escursione a Capo Noli con il C.A.I.
Roberta Saettone
Cresciuta di pari passo con il web, ho sviluppato una grande passione per la comunicazione digitale applicandola ai new media, passando dal giornalismo al copywriting con una forte impronta social. Dopo la collaborazione con alcune redazioni, TeleGenova e una web agency torinese, adesso mi occupo dello sviluppo dei contenuti per ZenaZone integrati al web marketing. Viaggiatrice incallita e curiosa osservatrice, mi piace esplorare ciò che mi circonda senza porre limiti ai miei interessi.

NESSUN COMMENTO