Eravamo Soli – Intervista all’autore Fulvio Di Sigismondo

L'autore Fulvio Di Sigismondo ha dedicato trent'anni della sua vita a capire ed aiutare i giovani che cadono nel disagio, conosciamolo in questa intervista a cura di Michela Resi. 

Eravamo Soli è un romanzo per i genitori di figli adolescenti, perché acquisiscano strumenti per poterli aiutare, ma anche per ragazzi, perché imparino a distinguere e capiscano chi vale la pena di ascoltare.
L’autore Fulvio Di Sigismondo ha dedicato trent’anni della sua vita a capire ed aiutare i giovani che cadono nel disagio, conosciamolo in questa intervista a cura di Michela Resi. 

“Non esiste un domani, non esiste un futuro, non esiste la scuola, i nostri genitori, Margherita e tutto il resto. Esiste questo momento, essere qui a urlare, bere, fumare e scopare. Per prenderci la nostra rivincita, quella che la vita ci vuole togliere regalandoci solo tristezza e un futuro incerto, e da sfigati.”

La trama
Che cosa lega la solitudine di Luca, Margherita e “Pezzo”, irrequieti adolescenti dei nostri giorni, a quella di Antonio, anziano partigiano ed ex operaio, giunto quasi al termine della propria esistenza?
I loro percorsi apparentemente così lontani si sfioreranno, si incontreranno e infine si intrecceranno sullo sfondo di una agitata periferia urbana, popolata di persone sole che nonostante tutto continuano a cercarsi, per trovare conforto nella forza dell’incontro e nel potere rassicurante dello sguardo e della parola.
È il racconto di una storia contemporanea, sospesa tra il flusso dei ricordi di un intenso, terribile e struggente passato e il desiderio di un futuro denso di incertezza e avventura, colmo di un desiderio di libertà.
In mezzo la vita, la violenza, la poesia, l’incontro e la forza della memoria.
E più di ogni altra cosa l’amore.

Altre Voci Edizioni

Scarica un estratto gratuito del romanzo

Acquistalo su Amazon

Iscriviti al canale YouTube ufficiale di ZenaZone

La sezione “Libri” su ZenaZone

CONDIVIDI
Articolo precedenteCucina in fiamme, è colpa dell’elettrodomestico difettoso: il caso di Genova
Prossimo articoloL’Abbazia Cistercense Santa Maria della Croce di Tiglieto
Michela Resi
Ho iniziato a cantare a 19 anni, sono stata una delle voci di "Non è la Rai" di Gianni Boncompagni, il mio soprannome era "Speedy" per la velocità nell'apprendere canzoni nuove. Successivamente sono stata corista di Marco Masini e Jenny B. Dopo aver girato l'Europa come cantante mi sono fermata a Bogliasco. Vivevo già a Genova quando ho partecipato a “We three plus friends”, l'ultimo disco di Bobby Durham, batterista di Frank Sinatra ed Ella Fitzgerald. Dal 2013 sono conduttrice di Zenazone, realizzo video e interviste in team con Davide con cui ho realizzato anche oltre 130 video itinerari turistici in tutta Italia col format Eats&Travels.

NESSUN COMMENTO

RISPONDI