Intervista ad Enrico Corsi: alla ricerca del sé interiore

Il suo romanzo narra del viaggio di un italiano alla ricerca del sé interiore e della cultura thai nell’Asia profonda della prima metà del Novecento.

Abbiamo incontrato a Sestri Levante Enrico Corsi, la persona che portò per la prima volta in Italia discipline come il Thai Yoga o lo stile di massaggio curativo Thai Royal.

Enrico Corsi ha già pubblicato numerosi testi di manualistica e con il romanzo “Ajarn Farang – Maestro Straniero” (Stampa Alternativa, 2019) esordisce nella narrativa.

Il suo romanzo narra del viaggio di un italiano alla ricerca del sé interiore e della cultura thai nell’Asia profonda della prima metà del Novecento.

Il romanzo si ispira in parte all’esperienza personale dell’autore, Enrico Corsi infatti dopo aver iniziato giovanissimo un percorso di ricerca interiore, è stato uno dei primi italiani a a diplomarsi alla scuola di Wat Po a Bangkok e a portare in Italia, per la prima volta, discipline come il Thai Yoga o lo stile di massaggio curativo Thai Royal.

L’autore prova ad offrire uno sguardo nuovo sulla cultura thai e sugli aspetti fondanti della tradizione culturale orientale con una storia che attinge solo in parte alla sua esperienza di vita, miscelando fatti realmente accaduti con altri partoriti dalla sua fantasia.

I due argomenti portanti del libro, la ricerca del sé interiore e l’autentica Medicina olistica, sono estratti dal vissuto dell’autore e sgravati da sovrastrutture filosofiche (come quelle della new age) che sovente accompagnano questo tipo di percorsi.

NESSUN COMMENTO