Congedo parentale ad ore: cosa significa, come e chi può sfruttarlo

Dalla parte del lavoratore, come fare la richiesta per il congedo parentale ad ore

Congedo parentale ad ore: ne parliamo con un Consulente del Lavoro, Elena Bruno dello Studio Burlando Bruno de Fraia di Genova.
Si tratta della possibilità di poter prendere delle ore di permesso dal lavoro non più a intere giornate ma frazionate ad ore.

La possibilità era già presente ma ora, grazie al job act, la procedura è molto più snella e veloce in quanto non richiede più di fare delle intese sindacali.

La richiesta deve essere fatta al datore di lavoro e all’inps comunicando due giorni prima al datore di lavoro le ore nelle quali si assenterà dal posto di lavoro tenendo conto che almeno metà della giornata lavorativa dovrà essere mantenuta, per esempio 4 ore di assenza su 8 di lavoro.

Per quanto riguarda le mamme è importante ricordare che le ore di congedo parentale non si possono cumulare con le ore di allattamento mentre si possono cumulare quando è richiesta assistenza alle persone (legge 104).

Sia mamme che papà possono richiedere sei mesi di congedo parentale.
Per informazioni più approfondite non resta che vedere il video ed eventualmente contattare Elena Bruno scrivendo nei commenti.

Altri argomenti trattati dai consulenti del lavoro nella sezione dedicata di ZenaZone.it

Non perdere altri video di ZenaZone.it sul canale YouTube Ufficiale

NESSUN COMMENTO