Ciao Italia! Un secolo di immigrazione e cultura italiana in Francia -fino al 20 ottobre

ciao italia

Da venerdì 28 settembre a sabato 20 ottobre, al Museoteatro della Commenda di Prè, si terrà la mostra Ciao Italia!: un secolo di immigrazione e di cultura italiana in Francia, a cura di Dominique Paini, Commissario generale e teorico del cinema,  Stéphane Mourlane, storico eIsabelle Renard, storico dell’arte. 16 pannelli sull’itinerario geografico, socio-economico e culturale degli immigrati italiani in Francia dal Risorgimento agli anni della Dolce Vita celebrata da  Fellini nel 1960.

Organizzata da Cisei, in collaborazione con  Institut français d’Italie, Musée national de l’historie de l’immigration Mu.MA, Associazione Promotori Musei del Mare e della Navigazione, Cooperativa Solidarietà e Lavoro.

Info:
Museoteatro della Commenda di Prè
Piazza della Commenda – 16126 Genova
www.museidigenova.it
010 5573681

Orari di settembre:
martedì  14 – 17  (ultimo ingresso ore 16.30)
mercoledì  10  – 17  (ultimo ingresso ore 16.30)
da giovedì a domenica e festivi 10  – 19  (ultimo ingresso ore 18.30)
lunedì chiuso eccetto festivi

Orari di ottobre:
da martedì a venerdì dalle 10   alle 17  (ultimo ingresso ore 16.30)
sabato, domenica e festivi dalle 10  alle 19  (ultimo ingresso ore 18.30)
lunedì chiuso  eccetto festivi

CONDIVIDI
Articolo precedenteStengel. Existence is Resistance. E l’arte che resta -fino al 23 novembre
Prossimo articolo“Sul Mare. Immagini di Genova dal XVI al XIX secolo” -fino al 2 dicembre
Roberta Saettone
Cresciuta di pari passo con il web, ho sviluppato una grande passione per la comunicazione digitale applicandola ai new media, passando dal giornalismo al copywriting con una forte impronta social. Dopo la collaborazione con alcune redazioni, TeleGenova e una web agency torinese, adesso mi occupo dello sviluppo dei contenuti per ZenaZone integrati al web marketing. Viaggiatrice incallita e curiosa osservatrice, mi piace esplorare ciò che mi circonda senza porre limiti ai miei interessi.

NESSUN COMMENTO