In bici a Laigueglia tra mare e monti

2016 - Granfondo Laigueglia

Partire dal mare, affrontare le montagne, per poi ritornare fra le onde della riviera ligure, è il massimo che un ciclista possa desiderare, e chi meglio della Granfondo Laigueglia Alé del 26 febbraio può sintetizzare questo pensiero? La prima prova della stagione ciclistica è anche una delle più belle, il percorso è scenografico, vario, suggestivo, tipico della terra ligure e dell’organizzazione del GS Alpi. Passare da uno scenario all’altro mitiga anche la stanchezza e la sensazione di fatica, cercare e trovare sempre qualcosa di nuovo all’interno dell’itinerario di gara è l’essenza della Granfondo Laigueglia (SV). Si dice che le donne accasatesi a Laigueglia si siano innamorate prima del paese che degli uomini che hanno sposato… Mentre oggi si può dire che si siano anche innamorate della Granfondo Laigueglia, viste le numerose presenze femminili che accompagnano la manifestazione ciclistica, al via fra poco più di una quindicina di giorni.

Laigueglia
2015 – Granfondo Laigueglia

Una sfida che è anche “conveniente”, e che riserva agli appassionati del pedale una quota di 40 euro entro mercoledì 22 febbraio, con una successiva ‘finestra’ direttamente in loco la vigilia della gara e la mattina fino a poco prima dello start. Di 114 km e 1962 metri di dislivello il percorso, con partenza nel cuore di Laigueglia fra corso Badarò e via Mazzini, e sviluppo lungo il lungomare ligure, un inizio soft che anticiperà le salite più ardue, fra “mangia e bevi”, zone ricche di fascino e corse veloci, affrontando nuovamente erte impegnative prima di ritornare a fiancheggiare il mare di Laigueglia, gustandosi lo sfizioso pasta party dopo aver affrontato oltre 100 km di emozioni sui pedali.
La Granfondo Laigueglia è anche prestigiosa, poiché fa parte di ben sei challenge, e se non è un record poco ci manca, con “Prestigio”, Shimano Challenge, InBici Top Challenge, Gran Premio Costa Ligure, Gran Trofeo GS Alpi ed anche Formula Bici, il quale bada innanzitutto alla sicurezza ed al concetto di fare sport divertendosi.

Laigueglia rivive anche ogni anno gli accadimenti che ne hanno contraddistinto la storia, come quella che vide protagonista Dragut, il terribile comandante dei saraceni. Una rievocazione in costumi d’epoca di forte attrazione turistica che si svolge ogni anno nel mese di luglio. I partecipanti vengono solitamente divisi in due schieramenti, gli “autoctoni” e gli “invasori turchi”, e si scontrano in riva al mare ingaggiando una “battaglia” di palline di gomma piuma che illumina la notte esaltata anche dai fuochi pirotecnici. Nei dintorni si sente anche un incessante battere di tamburi, mentre un “incendio” divora il Bastione del Cavallo, il solo rimasto dei tre torrioni eretti a difesa della città nel 1500; progettato dai laiguegliesi proprio per difendersi dagli invasori. Insomma, una terra ricca di storia e tradizioni che premia uno dei mezzi più eclettici per spostarsi, mantiene in forma e giova alla salute, fa respirare aria buona lontano dallo stress cittadino, e sviluppa gli ormoni del buonumore che nascono quando si effettua un’attività poco intensa ma prolungata, come la Granfondo Laigueglia Alé.
Info: www.granfondolaigueglia.it ed iscrizioni www.mysdam.net

NESSUN COMMENTO