“Io bevo caffè di qualità”: la degustazione nel centro storico di Genova

Caffè

Arriva per la prima volta a Genova “Io bevo caffè di qualità”, format di degustazione dedicato alla diffusione della cultura del caffè “specialty”, di particolare pregio gustativo. L’appuntamento è per sabato 13 maggio presso la nuova caffetteria, aperta da un paio di mesi, Tazze Pazze Caffetteria Gourmet, situata nel centro storico, . Qui, dalle ore 15 alle ore 20, sarà possibile essere protagonisti gratuitamente di un innovativo percorso sensoriale, diretto dai “caffesperti” Andrej Godina, dottore di ricerca in scienza tecnologia ed economia nell’industria del caffè e Andrea Matarangolo, trainer barista autorizzato Sca (Specialty Coffee Association of Europe).

Il format Io bevo caffè di qualità nasce a Firenze nel 2012; arriva a Genova alla sesta edizione annuale, dopo aver girato l’Italia, da Milano a Roma, da Trieste a Lecce, fino all’ultima tappa di Torino. L’evento genovese è organizzato e fortemente voluto dai proprietari di Tazze Pazze, impresa familiare dedicata al caffè di qualità, che, guidata da Magalì Scavini, Matteo Caruso e Andrea Cremone, è diventata il faro per la scena caffeicola genovese con due caffetterie aperte (la prima nel 2009 in via Faliero Vezzani, 60r, nel quartiere periferico di Rivarolo).

Nell’appuntamento, dopo la presentazione, si terranno sessioni di assaggio, per l’occasione anche con cupping alla brasiliana, guidate dall’azienda importatrice di caffè Sandalj Trading Co., che saranno alternate con dimostrazioni e gare di latte art (ovvero moderna tecnica di decorazione di cappuccino). Dalle ore 17.30 alle ore 20 sarà invece possibile partecipare a degustazione di cocktail a base di caffè con Davide Spinelli, formatore e barista con provate abilità nella creazione di “Coffee in Good Spirits”. I caffè saranno preparati da baristi che sono veri e propri sommelier pronti a dare tutte le informazione per far vivere ai partecipanti una degustazione a 360°, con nozioni dalla nascita del caffè nei Paesi di origine, fino al prodotto in tazzina. I caffè saranno serviti non solo in modalità espresso, ma anche con i metodi “pour over”, per avere infusi di caffè, secondo le tendenze internazionali, come Hario V60, Chemex, French Press. Tutti i caffè sono tostati in Italia.

Saranno in degustazione tre caffè colombiani di Sandalj Trading Company, di cui due vincitori del “Colombia Ace National” (provenienti da Finca Bellavista e da Finca El Jardin) mentre il terzo è coltivato e lavorato esclusivamente da donne, nell’ambito del progetto Women’s Coffee Project (regione del Huila). Quest’ultimo nasce dalla collaborazione tra la società importatrice di caffè crudo Sandalj e la Asociación de Mujeres Cafeteras della regione del Cauca, con l’obiettivo di promuovere e sostenere la parità di genere e l’uguaglianza sociale. Si promuove così la catena virtuosa di supporto al genere femminile e al lavoro sostenibile nel paese sudamericano.

Tazze Pazze ha a cuore la divulgazione della conoscenza di questo prodotto, sconosciuto al consumatore non attento. A Genova infatti siamo tra i pochi locali dove si parli di caffè dall’origine alla tazza, e siamo felicissimi di ospitare un evento quale Io bevo caffè di qualità da noi. – dicono gli organizzatori – Nasciamo come bar latteria, e col tempo ci siamo appassionati al caffè, frequentando vari corsi di Umami Area e della SCA (Specialty Coffee Association), specializzandoci sempre di più. Fondamentale la collaborazione nata con la torrefazione Bonani, proprietaria del marchio da loro ideato HQ Specialty Coffee, con cui studiamo le miscele, monitoriamo la tostatura, facciamo sessioni di assaggio insieme”.

Finalmente dopo anni di formazione al cliente, dobbiamo dire che anche i genovesi apprezzano la qualità. Certo, la cosa fondamentale è fornire le giuste spiegazioni che si nascondono dietro la differenza di prezzo al cliente, tutto dipende dal barista che deve essere preparato e supportarlo nella degustazione, nel mettere in luce le caratteristiche di ogni singolo caffè. Se i baristi sono pronti, crediamo che anche il consumatore sia pronto al mondo dello specialty. Adesso, la proposta bar di Tazze Pazze si caratterizza nell’offerta di diverse miscele per l’espresso e di vari caffè monorigine per filtro (in questo momento un Honduras, Kenya, Ethiopia e Nicaragua), a cui abbiniamo un’offerta gastronomica, che stiamo ampliando, con sandwich di altissimo livello e insalate”.

L’evento, a ingresso libero, è rivolto a tutti, dagli addetti del settore ai semplici curiosi. L’iniziativa promuove e vuole sensibilizzare in modo semplice, divertente e adatta a tutti, il consumo consapevole di caffè, facendo attenzione a qualità, materie prime e rapporti con i paesi produttori.

Per ulteriori informazioni:
320.0774683.

I caffè di Io bevo Caffè di Qualità – Genova edition
Nella Finca Bellavista, l’amabile acidità della pesca gialla si intreccia con interessanti percezioni agrumate che riportano alla clementina e all’arancia rossa, mentre nel retrogusto emerge un balsamo di mele; la Finca El Jardin presenta una buona corposità, con l’intensa acidità del lime che sfuma in una percezione di uva, che si unisce nel retrogusto a una inattesa vena di cacao fondente. Il caffè Huila del Colombia Women’s Coffee Project, invece, sprigiona fin da subito un sentore di arancia tarocco con un piacevole fondo di noci e mandorle, mentre il retrogusto rivela un’intrigante nota di pompelmo rosa fine e prolungata.

Io bevo caffè di qualità è ideato da Andrej Godina e Francesco Sanapo, in collaborazione con Umami Area e Sesamo comunicazione visiva, main sponsor HQ – Specialty Coffee, BWT – water+more, con il supporto di Nuova Simonelli – macchine da caffè espresso, PulyCaff – pulitori certificati per caffetteria, Sandalj Trading Company – Italian coffee passion.

CONDIVIDI
Articolo precedenteInaugurazione della nuova stagione al Covo di Nord Est e al Covino
Prossimo articoloEventi a Genova e in Liguria – sabato 20 maggio 2017
Roberta Saettone
Cresciuta di pari passo con il web, ho sviluppato una grande passione per la comunicazione digitale applicandola ai new media, passando dal giornalismo al copywriting con una forte impronta social. Dopo la collaborazione con alcune redazioni, TeleGenova e una web agency torinese, adesso mi occupo dello sviluppo dei contenuti per ZenaZone integrati al web marketing. Viaggiatrice incallita e curiosa osservatrice, mi piace esplorare ciò che mi circonda senza porre limiti ai miei interessi.

NESSUN COMMENTO