Alassio e il suo muretto da Hemingway e Berrino ad oggi

Il gioiello di Alassio

Il muretto di Alassio nasce dall’incontro di Mario Berrino, uno dei titolari del Caffè Roma con Ernest Hemingway. Ora è il muretto “più famoso d’Italia” e si elegge ogni anno anche “Miss Muretto”, ma prima di questo incontro non era altro che un rustico muricciolo di pietre sconnesso che aveva la funzione di arginare il terriccio del giardino pubblico ancora esistente.

La nostra conduttrice Erika Mariniello davanti al Muretto di Alassio
La nostra conduttrice Erika Mariniello davanti al Muretto di Alassio

Mario Berrino, che da sempre conservava gli autografi degli ospiti illustri del Caffè Roma voleva da sempre migliorare il muretto, ne parlò con Hemingway e dall’idea si passò ai fatti: l’importante, secondo Hemingway, era che tutte le piastrelle fossero differenti le une dalle altre.
Oggi il Muretto è diventato la più importante attrazione turistica di Alassio.

Chi visita Alassio non può non andare al muretto, tappa obbligata per chi visita la cittadina. Il muretto è ricco di storia, ogni sua piastrella rievoca un personaggio e ogni personaggio rievoca a sua volta altri ricordi degli avvenimenti legati ad essa e la memoria di chi lo percorre, osservando le oltre mille firme sulle piastrelle, corre a tutti i personaggi che hanno legato il proprio nome ad Alassio … poeti, artisti, attori, scrittori, cantanti e sportivi.

Iscriviti al canale YouTube di ZenaZone.it  <—- altri video

NESSUN COMMENTO