Al Teatro della Tosse in scena lo spettacolo ‘Noccioli – Esercizi di presenza per 36 spettatori’

Noccioli

Sabato 18 e domenica 19 marzo al Teatro della Tosse andrà in scena lo spettacolo Noccioli, ideato e diretto da Luigi Marangoni, all’interno della Rassegna Passaggi. Si tratta di uno spettacolo itinerante, i cui protagonisti non sono attori professionisti ma persone comuni, alcune per la prima volta su un palcoscenico, che condividono con il pubblico un percorso di vita, con semplicità e onestà. Lo spettatore diventa parte dello spettacolo e la rappresentazione si mescola con la realtà. In questo spettacolo, il regista è affiancato dal coordinamento drammaturgico di Valeria Banchero e da dinamiciteatri, con la collaborazione dell’Associazione La Porta Nascosta. In collaborazione con l’Associazione di volontariato Braccialetti Bianchi. Comprando i biglietti di questo spettacolo si sostiene l’Associazione.

Il tema centrale dello spettacolo è quello dell’eredità, ovvero quello che ci hanno lasciato nostri padri, quello che ci è rimasto da chi ha vissuto prima di noi. Che eredità abbiamo ricevuto? Quale traccia stiamo lasciando di noi? Domande che spesso non trovano risposte, ma che ci aiuterebbero ad avere più coscienza di noi stessi e più responsabilità delle nostre azioni. Noccioli è uno spettacolo in continuo movimento, leggero, divertente, profondo, fisico e spirituale. I nove attori, o non attori, presenti sul palco, si muoveranno in una sorta di rito civile in cui coinvolgeranno anche lo spettatore, che attraverserà in gruppi ristretti tutti gli spazi del teatro. Il pubblico, diviso in sei gruppi, si fermerà in sei postazioni per sei incontri.

Dopo “Appunti per uno spettacolo sul 30 giugno 1960”, scritto e realizzato con non attori, “Elogio della Follia – Progetto e spettacolo per spettatore parlante”, in cui gli spettatori stessi entrano nelle maglie dello spettacolo con interventi improvvisi dalla sala, e il monologo “Alone”, tratto da una storia vera, continua la produzione teatrale di Luigi Marangoni. «Con Noccioli continua la mia sperimentazione su teatro e realtà – spiega il regista Luigi Marangoni – la mia idea di teatro non si basa soltanto sullo spettacolo in sé, ma diventa un mezzo per provocare un incontro, un’occasione per fare un percorso insieme, per dilatare un silenzio di ascolto, per arricchire la prospettiva. Attori e spettatori non sono più due entità separate, ma condividono un obiettivo; in questo caso si interrogano sul tema dell’eredità e su cosa rimane delle nostre vite».

Durata dello spettacolo: 1 ora c.a.
Orari dello spettacolo: sabato 18 marzo alle ore 19.45 e alle ore 21.45. Domenica alle ore 15.30 e alle ore 17.00.
Biglietti: intero 14,00 € – ridotto 12,00 €.

NESSUN COMMENTO