Al Museo di Storia Naturale arriva “Pop microscopy”: dai laboratori scientifici alla pop art

Pop Microscopy

Il Museo di Storia Naturale “Giacomo Doria” ospita la mostra Pop Microscopy per un viaggio dai laboratori scientifici alla pop art. La mostra fotografica è a cura di Claudia Diaspro con il supporto tecnico scientifico di Alberto Diaspro e Paolo Bianchini.

Si tratta di una collezione composta da venti immagini scientifiche acquisite al microscopio ottico, nelle sue realizzazioni più moderne, finalizzate alla ricerca scientifica. Le immagini sono state concesse da scienziati di fama internazionali tra cui i premi Nobel Martin Chalfie e Stefan Hell.

Il “gioco” proposto dalla curatrice è quello di dissociare le immagini dalla loro valenza scientifica per inserirle in un contesto differente, decisamente PoP rispetto ai laboratori in cui sono nate. Qualcosa di simile accadeva verso la metà degli anni ‘50 del secolo scorso quando, sul panorama artistico, si affacciava il fenomeno della Pop Art.

La Pop Art dava un nuovo ruolo alle immagini nella società del boom economico, così una latta di zuppa (la celebre Zuppa Campbell immortalata da Andy Warhol) divenne icona di quegli anni. Immagini di forte impatto popolare erano innalzate ad opera d’arte dissodando l’incrocio tra pittura e iconografia di massa. Al contrario, perché non rendere un tributo ai progressi scientifici facendo di una cellula, invisibile all’occhio umano, una Star?

Le immagini si susseguono in un’esplosione multicolore, assumendo nomi legati alla cultura pop dei nostri anni. Per lo più hanno riferimenti nel repertorio musicale contemporaneo: dai Guns ‘n Roses a Guccini, passando per i titoli di acclamate serie TV, senza alcuna regola se non quella delle emozioni.

Lo spettatore potrà diventare parte attiva di questo gioco dando via libera alla fantasia lasciando che sia l’immagine a parlare di sé, per poi scoprire quale sia il suo reale significato restando certamente a bocca aperta.

La mostra inaugurerà venerdì 18 gennaio alle ore 17 e sarà aperta al pubblico, integrata nel percorso espositivo del museo, a partire da sabato 19 gennaio 2019 seguendo gli orari del Museo: da martedì a domenica, dalle ore 10 alle 18; lunedì chiuso.

INFO:
tel. 010 564567

CONDIVIDI
Articolo precedenteAvventure in Egitto, un mese di eventi: il calendario completo
Prossimo articoloIl Capitano D’Albertis e le sue entusiasmanti imprese: la mostra con le illustrazioni
Roberta Saettone
Cresciuta di pari passo con il web, ho sviluppato una grande passione per la comunicazione digitale applicandola ai new media, passando dal giornalismo al copywriting con una forte impronta social. Dopo la collaborazione con alcune redazioni, TeleGenova e una web agency torinese, adesso mi occupo dello sviluppo dei contenuti per ZenaZone integrati al web marketing. Viaggiatrice incallita e curiosa osservatrice, mi piace esplorare ciò che mi circonda senza porre limiti ai miei interessi.

NESSUN COMMENTO